Ad imageAd image

Adriano Sperandio lancia la sfida a Daniele Scardina

Riccardo Aruanno
Riccardo Aruanno
2 minuti di lettura
Adriano Sperandio lancia la sfida a Daniele Scardina

Adriano Sperandio lancia un messaggio di sfida nei confronti di Daniele Scardina, dopo che il pugile di Rozzano ha annunciato un salto di categoria.

Adriano Sperandio (14-2-0) è un pugile originario di Mentana, comune facente parte dell’area metropolitana di Roma.

- PUBBLICITA-

Sperandio, dopo aver trascorso diversi anni nel dilettantismo e nel giro della nazionale, ha optato per un passaggio nel mondo professionistico, datato 2015.

Il primo titolo, WBC del mediterraneo, è sfuggito in trasferta a Belgrado dopo che i giudici decretarono una vittoria per verdetto unanime in favore di Marko Nikolic.

Nel 2020, in piena pandemia, conquista il titolo italiano a Roma, sconfiggendo Luca Spadaccini (8-5-3).

 

Adriano Sperandio: Io, numero uno del ranking resto a disposizione

Adriano Sperandio è al primo posto nel ranking italiano dei pesi mediomassimi. Tale posizione è stata menzionata dal boxeur romano, in una storia pubblicata sul proprio profilo IG.

Sperandio faceva riferimento al discusso passaggio di categoria di Daniele Scardina, che come conseguenza ha portato l’annullamento del rematch con Giovanni De Carolis.

Nella fattispecie, il pugile 35 enne ha voluto far sapere in maniera indiretta, ma neanche troppo, di essere a disposizione per un eventuale match con Scardina al limite dei 79,104 kg.

Vedremo in seguito, se il guanto di sfida verrà raccolto dalla OPI e dallo stesso Scardina, che si è definito pronto e motivato per questa nuova avventura.

Supporta TSOS

  Effettua una donazione a TSOS  

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
1 commento