Ad imageAd image

AIC difende Umtiti e Banda dopo gli insulti razzisti

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
AIC difende Umtiti e Banda dopo gli insulti razzisti

La AIC ha diramato un comunicato dopo quanto avvenuto ieri con i due giocatori del Lecce colpiti da insulti razzisti.

La Serie A è tornata in campo nella giornata di ieri, e come tale purtroppo sono tornati a fare effetto degli insulti razzisti, che sono stati diretti verso Lameck Banda e Samuel Umtiti, due giocatori del Lecce, che ieri ha giocato contro la Lazio.

- PUBBLICITA-

Il presidente della Associazione Calciatori ha espresso la massima solidarietà nei confronti dei due giocatori offesi dai tifosi laziali.

 

AIC contro il razzismo dopo gli episodi di ieri a Lecce

La AIC, tramite il suo presidente Umberto Calcagno, ha diramato oggi un comunicato in difesa di Samuel Umtiti e Lameck Banda, i due giocatori del Lecce che hanno subito episodi di razzismo durante il match di ieri contro la Lazio.

Esprimiamo vicinanza e incondizionata solidarietà ai due calciatori a nome di tutti noi, con l’augurio che si faccia quanto prima chiarezza sull’accaduto e, accertate le responsabilità, si applichino le opportune sanzioni ai soggetti colpevoli di questi gravi comportamenti. Ci ispiriamo ai più rigorosi valori di uguaglianza e rispetto reciproco, e condanniamo da sempre ogni forma di discriminazione razziale. Questi sedicenti ‘tifosi’ nulla hanno a che vedere con milioni di appassionati che seguono lealmente il nostro sport”.

Per la cronaca, il Lecce aveva battuto in casa la Lazio per 2-1, quando durante il match la tifoseria laziale ha ululato contro i due giocatori, episodio non nuovo, ma purtroppo comune nel calcio attuale e nello sport in generale.

 

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento