The Shield Of Sports
News dal mondo degli sport

Alessandro Patias: Noi oriundi qui da tanti anni

Il bomber dice la sua sulle nuove regole

Alessandro Patias, pivot del Real San Giuseppe, è l’attuale capocannoniere della Serie A C5 con 21 reti in 16 giornate. Classe 85 e debuttante in Brasile con l’Horizontina, nel 2005 inizia a giocare in Italia nel CLT Terni dove vince due volte la Coppa Italia Under 21.

Dopo una stagione in Spagna al Baix Maestrat passa al Montesilvano dove vincerà il campionato italiano nella stagione 2009/10. L’anno dopo firma con il Marca e in quella stagione arriveranno campionato e Supercoppa. Dal 2011 al 2014 sarà poi all’Asti dove vincerà la Winter Cup 2013/14. Seguono tre stagioni al Benfica in Portogallo: un campionato, due coppe, due supercoppe. Poi Napoli, in Belgio con l’Halle-Gooik, Feldi Eboli e attualmente Real San Giuseppe. Tutti questi anni di carriera hanno avuto una sola grande costante: i gol.

Alessandro Patias, detto Ale, è stato anche per un periodo protagonista della maglia azzurra. In possesso della doppia cittadinanza, il bomber ha scelto di rappresentare l’Italia ottenendo il terzo posto e la medaglia di bronzo al Campionato europeo di Croazia 2012. Medesima posizione anche al mondiale di quell’anno in Thailandia, da lui saltato a causa di un infortunio.

Noi di TSOS abbiamo avuto l’occasione di porgli qualche domanda in occasione della partita tra Vitulano Drugstore Manfredonia C5 e Real San Giuseppe questo mercoledì.

Trovate il video dell’intervista ad Alessandro Patias sul nostro canale YouTube.

Alessandro Patias: le sue parole

Tre gol, tutti nel secondo tempo, non sono stati sufficienti per il Real San Giuseppe di Alessandro Patias per vincere. Ecco cosa ha detto a riguardo:

“Purtroppo mi sono fatto male all’inizio del riscaldamento, non sono riuscito ad aiutare la squadra nel primo tempo. Poi ho provato ad aiutare, è andata anche bene però purtroppo non è servito a niente. Volevamo i punti. Sapevamo che era una gara difficile, tutte le gare sono difficili in Serie A. Purtroppo abbiamo perso, quindi i miei gol non sono serviti.”

Il capocannoniere rimane fiducioso sull’andamento della sua squadra dopo un periodo complicato che li vede ai margini della zona playoff:

“Dobbiamo rialzarci. L’obiettivo è quello di arrivare ai playoff. Già sabato abbiamo un’altra partita importante in casa [con il Meta Catania Bricocity] e non possiamo sbagliare. 

Infine, interrogato come spettatore sull’Europeo dell’Italia (trovate l’intervista a Stefano Mammarella a questo link), Alessandro Patias ha approfittato per parlare delle recenti decisioni che vedranno l’esclusione degli oriundi come lui dalla nazionale:

“È difficile. In questo momento sono uscite anche le nuove regole. Tanta gente parla. A me dispiace. Ci sono stato da quella parte, ho giocato l’Europeo, è la cosa più bella del mondo rappresentare l’Italia. Purtroppo i ragazzi che erano lì non sono riusciti a fare una grande prestazione, poi è normale che tutti ne parlino. Mi dispiace per l’Italia. Mi dispiace anche per questi cambiamenti radicali per tanti di noi [oriundi brasiliani] che siamo in Italia da sette, dieci anni… però è quello che c’è. Noi dobbiamo rispettare, fare il nostro lavoro e sperare che vengano giorni migliori per tutti.”

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Per farti due risate a tema wrestling, segui i nostri amici di Spear Alla Edge su Instagram!

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News

Ricevi aggiornamenti in tempo reale sul tuo dispositivo! Iscriviti ora!

Lascia una risposta