The Shield Of Sports
News dal mondo degli sport

All Out 2021 Report – AEW

Dal nostro partner: The Shield Of Wrestling
Alex Bruno

All Out 2021 Report – AEW
Alex Bruno
All Out 2021 Report – AEW

Dopo ben tre mesi da Double or Nothing, finalmente si ritorna a Chicago per l’edizione 2021 di All Out (QUI! la card e QUI! l’anteprima). In questo nuovo pay-per-view targato All Elite Wrestling ci aspetta il secondo scontro tra l’AEW World Champion Kenny Omega e l’IMPACT Wrestling World Champion Christian Cage, stavolta con l’alloro della All Elite in palio, mentre CM Punk fa il suo ritorno lottato contro Darby Allin. A raccontarvelo in diretta sarà il vostro amichevole Alex Bruno di quartiere.

Report AEW All Out 2021

Il Buy-in del pay-per-view inizia alle 01:00 e, dopo un filmato dedicato al ritorno di CM Punk ed ai match di cartello di stasera ci accolgono Tony Schiavone ed Excalibur che ci illustrano e commentano la card di stasera, come di consueto.

TEN MAN TAG TEAM MATCH: HARDY FAMILY OFFICE (MATT HARDY, ISIAH KASSIDY, MARQ QUEN, ANGELICO & JACK EVANS) VS BEST FRIENDS (CHUCK TAYLOR, WHEELER YUTA & ORANGE CASSIDY) & JURASSIC EXPRESS (LUCHASAURUS & JUNGLE BOY) (w/MARKO STUNT)

Il match del Buy-in è il Ten Man Tag Team Match che vede l’Hardy Family Office al gran completo, meno The Blade, e la strana alleanza tra Best Friends Jurassic Express.

Aprono le danze Matt Hardy Chuck Taylor, il quale però dà subito il tag a Wheeler Yuta prima che questi ceda il passo ad Orange Cassidy e questi, a sua volta, chiede il cambio con Luchasaurus.

Hardy dà il cambio a Jack Evans che, però, viene atterrato dal dinosauro prima di vedersela contro Jungle Boy che inizia a dominare. Rintra Yuta e questi se la vede con Isiah Kassidy e poi con Marq Quenvenendo facilmente messo in difficoltà dai Private Party prima e i The Hybrid2 poi.

Il tutto degenera in una presa concatenata tra tutti i partecipanti, demolita dal solo Luchasaurus che nel frattempo torna in pieno controllo sull’intero HFO. Il membro del Jurassic Express, però, viene colpito alle spalle dai Private Party ma a vendicarlo ci pensa Cassidy ma, dopo essersi sbarazzato di Matt Hardy, viene schiacciato da Kassidy & Quen.

Chuck Taylor tiene a bada l’HFO, prima di cedere il passo a Yuta contro il solo Angelico ma ciononostante questi torna sotto il dominio di TH2 & Private Party, venendo però salvato da Orange Cassidy.

Il Freshly Squeezed, dopo aver dominato su TH2 & Kassidy & Quen, viene gettato fuori dal ring da Hardy. Jungle Boy entra ed in breve tempo si scatena una Tower Battle tra Jurassic Express e The Hybrid2, vinta dai primi e questi poco dopo si sbarazzano anche dei Private Party, mentre Marko Stunt si occupa dell’interferenza di The Blade.

Jungle Boy applica la Crossface su Angelico, facendolo cedere.

VINCITORI: BEST FRIENDS & JURASSIC EXPRESS

Nel post-match l’Hardy Family Office attacca gli avversari, compreso l’appena tornato The Butcher! Tuttavia, in aiuto dei buoni, arrivano i Varsity Blonds, Dante Martin ed il Dark Order che ricacciano l’HFO.

La visuale si sposta sui Men of the Year insieme all’American Top Team di MMA, i quali affermano che hanno intenzione di “uscire dalla comfort zone per entrare nella danger zone”Dan Lambert, insieme ai suoi ragazzi, esprime estrema fiducia nei confronti di Ethan Page & Scorpio Sky.

Il Buy-In di All Out si chiude, come di consueto, con l’ingresso di Jim Ross.

E chiuso il pre-show finalmente All Out può avere il suo canonico inizio!

TNT CHAMPIONSHIP MATCH: MIRO (c) VS EDDIE KINGSTON

L’opener di All Out vede il campione TNT Miro mettere in palio la cintura contro Eddie Kingston. Il Redeemer si lancia subito all’attacco di Kingston e tenta anche la Game Over, ma Eddie si divincola prima di far cadere l’avversario fuori dal ring.

Il God’s Middle Child inizia a dominare dopo delle Chop all’angolo ed un Exploder Suplex, prima di battagliarsi con il bulgaro fuori dal ring venendo scagliato da questi contro la barricata, per poi essere colpito da un Crossbody ed un Machka Kick.

Eddie contrattacca con un Big Boot, poi tenta un Crossbody dall’apron che però viene trasformato in una Powerslam dal campione. Il fu Rusev è in pieno controllo della contesa, facendo sbattere il rivale contro il paletto e colpendolo ripetutamente, ma Kingston incassa tutto prima di riprendersi e battagliarsi con Miro.

L’ex-Death Crew Council, dopo essersi liberato da un’Headlock, subisce un Dropkick ed un Crossbody all’angolo prima di usare un Enziguri per contrastare il rivale, prima di tentare un Dive stroncato da Miro ma riprendendosi subito ed andando a segno con il Saito Suplex.

King e Miro si battagliano al centro del ring, con il primo che ricorre ad altri due Saito Suplex per poi tentare lo Spinnig Back Fist schivato dal bulgaro che esce fuori dal ring, ma questi si è esposto per un Suicide Dive del contendente.

Kingston usa anche un Fisherman Suplex, ma mentre subisce un Serman Suplex toglie una protezione dall’angolo, prima di subire un Machka Kick di Miro seguita dalla Game Over ma Eddie tocca la corda più bassa.

Miro viene colpito da un Chop ed una DDT improvvisi, finendo al tappeto ma uscendo al conto di due. Kingston tenta una Piledriver ma Miro è troppo pesante e allora cerca di scagliarlo contro l’angolo scoperto, ma l’arbitro glielo impedisce.

Miro si riprende e, poco dopo, si aggiudica la contesa con il Machka Kick.

VINCITORE ED ANCORA CAMPIONE: MIRO

SINGLES MATCH: JON MOXLEY VS SATOSHI KOJIMA

Lo sconfitto Eddie Kingston lascia lo spazio all’alleato Jon Moxley, il quale affronta una vera e autentica leggenda della New Japan Pro Wrestling: Satoshi Kojima.

Kojima cerca di stringere sportivamente la mano all’avversario, ma questi risponde con un dito medio ed inizia la battaglia a suon di Chop ed Elbow Smash, aumentando d’intensità secondo dopo secondo.

Kojima tenta il Lariat che, però, viene schivato da Moxley ma ricorre ad un Crossbody fuori dal ring prima di essere colpito da un Suicide Dive del GCW World Champion.

Nonostante abbia il pieno controllo sull’avversario, Mox si rende conto che Satoshi-san è un avversario più tosto di quello che sembra tanto che, dopo avergli restituito le Chop all’angolo, lo colpisce con un Diving Elbow Drop.

Moxley cerca di usare la Brainbuster, ma Kojima lo posiziona sopra l’angolo lo morde sulla fronte dopo che l’avversario gli ha fatto lo stesso, per poi colpirlo con un Superplex.

Kojima usa anche una DDT sull’apron, ormai gli manca soltanto “una mossa” da eseguire. Moxley, però, contrasta la Koji-Cutter colpisce l’avversario con un Hex-Plex prima di bloccarlo in una Cross Armbreaker. L’ex-AEW World Champion usa un Knee Strike, poi tenta la Paradigm Shift ma subisce una Brainbuster della leggenda NJPW.

Kojima si toglie la gomitiera e tenta il Lariat, ma Mox la evita e lo colpisce con un German Suplex. Jon contrasta nuovamente il Lariat e tenta nuovamente l Paradigm Shift ma è qui che Kojima usa il Lariat e poi il Koji-Cutter.

Mox, però, non ci sta e dopo aver atterrato Kojima con la Clothesline lo blocca nella Bulldog, ma il nipponico tocca la corda inferiore. Kojima usa le Chop tipiche di Hiroyoshi Tenzan, prima di essere colpito da ben due Paradigm Shift che valgono la vittoria all’avversario.

VINCITORE: JON MOXLEY

Nel post-match, però, risuona “Kaze ni Nare” e si presenta lui: il leader del Suzuki-gun in persona, Minoru Suzuki!

Mox e Suzuki hanno un breve faccia a faccia, seguito da uno scontro fisico incitati dal pubblico. The King prevale con la Sleeper Hold, prima di connettere con la Gotch Style Piledriver! Minoru Suzuki debutta in All Elite Wrestling da dominatore!

AEW WORLD WOMEN’S CHAMPIONSHIP MATCH: DR. BRITT BAKER, D.M.D. (c) (w/JAMIE HAYTER & REBEL NOT REBA) VS KRIS STATLANDER (w/ORANGE CASSIDY)

Terzo match di All Out ed abbiamo l’AEW World Women’s Championship in palio, conteso tra la campionessa Britt Baker Kris Statlander. Le due si danno subito battaglia, ma è l’aliena della galassia di Andromeda ad avere il pieno controllo sull’avversaria.

La DMD tenta la Lockjaw, schivata dall’avversaria, prima di sfoderare un Big Boot ed un Neckbreaker all’angolo. Jamie Hayter & Rebel cercano di intervenire, ma Orange Cassidy glielo impedisce. Ciononostante, Baker è in pieno controllo sulla Statlander e la colpisce con un German Suplex ma l’avversaria non ci mette molto a riprendersi e a colpirla con un’Elbow Smash ed un Knee Strike all’angolo.

La componente dei Best Friends subisce una Slingblade, evita un Curb Stomp e dà vita ad uno scambio veloce di roll-up con l’avversaria. Rebel dà il guanto a Britt, la quale è pronta per la Lockjaw anche se l’avversaria cerca di colpirla con una Big Bang Theory che, però, riesce a schivare.

La campionessa, però, finisce per subire un Superplex di Kris ma riuscendo ad evitare la 450° Splash e ne approfitta per tentare la Lockjaw, finendo però per essere schiantata al suolo e colpita con  uno Scissors Kick.

Baker finisce fuori dal ring, poi Statlander cerca di ricorrere ad un Moonsault dall’apron che viene schivato dalla DMD, la quale poi connette con un Curb Stomp. Incoraggiata dall’amico Orange Cassidy, Kris risveglia il suo killer instinct e si lancia all’attacco della campionessa ma quest’ultima stronca la sua offensiva senza problemi.

Britt, quindi, usa la “Pittsburg” Sunrise, la finisher del ragazzo Adam Cole, seguita dal Curb Stomp prima di far cedere l’avversaria alla Lockjaw.

VINCITRICE ED ANCORA CAMPIONESSA: DR. BRITT BAKER, D.M.D.

La visuale si sposta su Andrade El Idolo, il quale afferma che si trova qui ad All Out per combattereChavo Guerrero prende la parola ed afferma che PAC ed i Lucha Brothers hanno paura di Andrade, discolpandosi dal fatto di aver cancellato il volo del Bastard.

AEW WORLD TAG TEAM CHAMPIONSHIPS STEEL CAGE MATCH: YOUNG BUCKS (MATT & NICK JACKSON) (c) (w/ BRANDON CUTLER) VS LUCHA BROTHERS (PENTA EL ZERO MIEDO & REY FENIX) (w/ALEX ABRAHANTES)

Quarto match di All Out e siamo allo Steel Cage tra gli AEW World Tag Team Champions Young Bucks ed i Lucha Brothers, con in palio le cinture di coppia della All Elite Wrestling.

La battaglia tra i due tag team non ci mette molto ad infiammarsi, con Rey Fenix che fa cadere i Bucks dalla parete mentre si stavano arrampicando. I due del Triangolo de la Muerte sono più determinati che mai, tanto da dominare nettamente sugli avversari e concedendo pochissima offensiva agli avversari.

I due fondatori dell’Elite, però, evitano le simultanee Apron Spear degli avversari e li fanno schiantare contro le pareti della gabbiaMatt Jackson colpisce Penta El Zero Miedo con un Dropkick contro la gabbia, prima di colpire Fenix con una Powerbomb mentre il fratello Nick torna ad occuparsi di Penta.

Matt strangolo Fenix con una catena, poi tenta una Powerbomb contro la gabbia ma questi contrattacca con un’Hurricanrana e poco dopo arriva Penta ad aiutarlo a contrastare i Bucks, prima che questi ultimi evitino il Double Superkick dei Lucha Bros stronchino la rimonta dei Luchador, almeno dino alla Double Stunner di Fenix ed una Piledriver di Penta.

I Lucha Bros tentano l’Assisted Package Piledriver su Matt, ma i Bucks tornano al contrattacco ed in breve tempo colpiscono Penta con l’Assisted 450° Splash prima di colpire Fenix von un Double Superkick e poi entrambi i luchador con una combo Tombstone Piledriver, Missile Dropkick & Senton.

Gli Young Bucks vanno per il BTE Trigger su Fenix, schivato da quest’ultimo che poco dopo stronca la Meltzer Driver sul nascere, ma ciononostante rimane sotto il dominio dei Bucks prima di essere salvato dal Superkick di Penta su Matt.

Gli ex-Bullet Club strappano le maschere agli avversari, poi fanno schiantare Fenix contro la gabbia mentre Brandon Cutler lancia una borsa nella gabbia. Matt Jackson si toglie una scarpa ed estrae una Nike con dei chiodi sulla suola, volendo colpire Fenix ma Penta si sacrifica per il fratello.

Nick, poco dopo, scaglia Penta contro la scarpa chiodata di Matt all’angolo, prima di tentare insieme ad esso il BTE Trigger ma preferendo prima sbarazzarsi di Fenix.

Matt & Nick usano il BTE Trigger su Penta, poi lo schienano ma Fenix salva il fratello e per punizione dovrà assaggiare lo scarpone chiodato, ma evita di finirci contro ed anzi lo usa per colpire i campioni prima di usare una Michinoku Driver su Matt.

Fenix & Penta tentano di nuovo la finisher, ma ben presto il tutto degenera in due Package Piledriver sfoderate da Penta e Matt. La battaglia tra le due coppie di fratelli si fa sempre più infiammante, tra scambi di Superkick e Clothesline che fanno finire tutti e quattro al tappeto.

I Lucha Bros, finalmente, vanno a segno con l’Assisted Package Piledriver su Nick prima di cercare di eseguirne un’altra su Matt ma con Rey dalla cima della gabbia, il quale però ricorre ad un Crossbody ed in breve tempo i Lucha Bros si aggiudicano la vittoria dopo un’Assisted Facebuster.

E così abbiamo il primo cambio di titoli di All Out!!

VINCITORI E NUOVI CAMPIONI: LUCHA BROTHERS

CASINO BATTLE ROYAL

Ed arriviamo alla Casino Battle Royal femminile, che vede in palio un’opportunità all’AEW World Women’s Championships.

Entrano le 5 donne iniziali, del seme della mazza: Hikaru Shida, Skye Blue, Emi Sakura, The Bunny ed Abadon. Lo scontro vede dominare Sakura e Shida, ma entrambe vengono spaventate da Abadon. La Living Dead Girl elimina Skye Blue, ma a sua volta viene eliminata da Bunny mentre Shida e Sakura si battagliano.

Entrano quelle del seme dei quadriAnna Jay, Kiera Hogan, KiLynn King, DIamante Nyla Rose. Lo scontro inizia a farsi più caotico ed Hikaru Shida elimina  Emi Sakura dopo un Knee Strike, mentre Kiera viene eliminata da King a sua volta eliminata da Nyla Rose, la quale poco dopo elimina Hikaru Shida.

Nyla e Diamante si alleano contro Bunny e Jay, prima di dividersi in due scontri separati. Ed arriva il momento delle 5 dei cuori: Thunder Rosa, Penelope Ford, Riho, Jamie Hayter Big Swole. Quest’ultima elimina Diamante, prima di essere eliminata da Hayter, ma poco dopo non seguono eliminazioni.

Arriva l’ingresso delle picche: Tay Conti, Red Velvet, Leila Hirsch, Jade Cargill Rebel Not Reba. Tutte le partecipanti rimaste danno vita ad una battaglia caotica ed arriva l’eliminazione di Rebel, per mano di Red Velvet, mentre Bunny viene eliminata da Anna Jay, a sua volta eliminata da Penelope Ford mentre Jade Cargill si sbarazza di Leyla Hirsch. 

E, sotto i cori “Ruby Soho” arriva la jolly: Ruby Riott, o meglio RUBY SOHO!  L’ex-Riott Squad si battaglia con Cargill, la quale poco dopo elimina Red Velvet prima di essere eliminata da Nyla RoseTay Conti elimina Penelope, prima di essere eliminata da Nyla Rose.

Restano solo Nyla, Ruby e Thunder Rosa. La Beast domina sulle due avversarie, prima di essere eliminata da Thunder Rosa. La Runaway e la Mera Mera si giocano la vittoria, iniziano a colpirsi con le Chop e poi con gli Elbow Strike fino all’eliminazione di Rosa dopo il Riott Kick.

VINCITRICE: RUBY SOHO

THE FINAL FIGHT: CHRIS JERICHO VS MAXWELL JACOB FRIEDMAN

Ed arriviamo al Final Fight, lo scontro tra Maxwell Jacob Friedman Chris Jericho dove quest’ultimo in caso di sconfitta non potrà più lottare in AEW. MJF, nell’entrata, si prende la libertà di parodizzare l’inizio dell’entrata di Y2J del 1999 per prenderlo in giro, mentre Le Chapion entra con Billy Gray, chitarrista dei Fozzy, che suona Judas.

MJF si pulisce il didietro con la giacca dell’avversario strappa alcuni cartelloni in favore dell’avversario, prima di darsi battaglia con quest’ultimo. Il Demo God tenta la Walls of Jericho, ma l’avversario la schiva e l’azione ben presto si sposta fuori dal ring ed addirittura tra il pubblico della NOW Arena di Chicago.

Jericho lancia un piedistallo contro Max, poi lo colpisce con un Dropkick facendolo ricadere fuori dal ring prima di tentare di colpirlo con un Baseball Slide, ma questi viene bloccato dal rivale nel telone del ring e colpito ripetutamente.

MJF inizia a dominare, riuscendo anche a stroncare un tentativo di ripresa dell’avversario prima che quest’ultimo ribalti la situazione in breve tempo. Y2J, però, in breve tempo viene fatto schiantare contro l’angolo ed MJF torna in pieno controllo permettendosi anche di fare il verso a Ric Flair, per poi colpire Jericho con un Facebuster sull’apron.

Arrivato al conto di 9 cerca di salire sul ring ma finisce nuovamente fuori da esso, MJF cerca di colpirlo con il Lionsault ma Y2J, colpito nell’orgoglio, stronca tale mossa con una Powerbomb sull’apron. Jericho, però, viene colpito da un Codebreaker di MJF mentre tentava un Crossbody dalla terza corda.

Jericho, quindi, tenta di nuovo la Walls of Jericho prima di ricorrere al Lionsault, poi colpisce più volte l’avversario sopra la terza corda ma venendo, poco dopo, colpito con una Sit-Out Ligerbomb dalla terza corda. MJF morde la fronte di Jericho, poi lo fa salire sopra la terza corda e tenta un Superplex ma viene fatto cadere dal Demo God, per poi essere colpito da un Diving Codebreaker di quest’ultimo.

Poco dopo si presenta Wardlow, il quale però viene fermato da Jake Hager e tra i due scoppia una rissa mentre, nel frattempo, MJF colpisce Jericho con la mazza da baseball senza farsi vedere per poi usare la Judas Effect ed aggiudicarsi la vittoria nonostante Jericho abbai toccato la corda inferiore con il piede.

Resosi conto dell’errore, l’arbitro Aubrey Edwards fa ripartire il match dopo essersi consultata con un collega.

Questa volta Jericho tenta subito un roll-up e la Judas Effect, prima di essere intrappolato nella Fujiwara Armbar che però trasforma nella Walls of Jericho decisiva.

VINCITORE: CHRIS JERICHO

Nel post-match il resto dell’Inner Circle si presenta per esaltare il loro leader, mentre i pubblico canta a squarciagola “Judas”.

SINGLES MATCH: CM PUNK VS DARBY ALLIN

Ma adesso è arrivato il momento dell’incontro più atteso in assoluto di All Out: il ritorno lottato di CM Punk, contrapposto per l’occasione a Darby Allin.

“It’s Clobberin’ Time” ed il match può ufficialmente avere inizio, dopo un’intenso scambio di sguardi. Il Best in the World inizia in maniera metodica, studia l’avversario prima di attaccarlo mentre il pubblico intona i cori “Welcome Back”, tanto che Punk ne approfitta un attimo per citare lo scontro con John Cena di oltre 10 anni fa con il “lui o io”.

Allin, però, blocca l’avversario prima di tentare un roll-up ma Punk non ci sta e lo costringe a fare del suo meglio, prima che il campione mondiale dei 434 giorni tenti la GTS e l’ex-TNT Champion la evita prontamente. Allin inizia a dominare, tanto da ricorrere ad una Coffin Splash, salvo poi essere schiantato violentemente contro il paletto tanto da finire fuori dal ring.

Punk è in pieno controllo, bloccando l’avversario in una Facelock ed un’Abdominal Stretch prima di essere colpito da una Stunner di Allin. Darby sfodera il Coffin Splash e contrattacca la GTS in un roll-up, per poi andare a segno con un Sunset Flip.

Punk si riprende e usa un Back Superplex su Allin, prima di riuscire ad usare finalmente la sua GTS, la “Go to Sleep”, mossa che fa cadere l’avversario fuori dal ring. Non contento, il Chicago Made usa il Knee Strike all’angolo ed una Clothesline, per poi tentare di nuovo la GTS ma Allin si libera un’altra volta per poi andare a segno con un Suicide Dive.

Darby, allora, usa la Swanton Bomb fuori dal ring prima di tentare il Coffin Drop al centro del quadrato, ma tale mossa viene schivata da Punk che dopo aver tentato la GTS ed essere uscito da un roll-up va a segno con un Leg Lariat per poi mettere a dormire Darby con la GTS decisiva.

VINCITORE: CM PUNK

Nel post-match si presenta Sting per portare via il suo assistito, ma non prima essersi congratulato con CM Punk, il quale a sua volta si complimenta con lo sfinito Allin.

Come da tradizione della vecchia scuola della Ring of Honor, Punk ed Allin si stringono la mano in segno di rispetto.

SINGLES MATCH: PAUL WIGHT VS QT MARSHALL (w/NICK COMOROTO & AARON SOLOW)

Penultimo match di All Out è lo scontro tra QT Marshall Paul Wight, quest’ultimo al suo debutto lottato in All Elite Wrestling ed uscendo momentaneamente dalle vesti di commentatore di AEW Dark Elevation.

Il fu Big Show si sbarazza di Aaron Solow & Nick Comoroto, così è libero solo di poter mettere le mani addosso a QT. Wight usa subito i suoi Chop all’angolo, facendo soffrire le pene dell’inferno al rivale prima che questi lo faccia cadere in ginocchio con un Low Dropkick.

Il leader della Factory, però, viene scagliato fuori dal ring prima di tentare il Diamond Cutter, ma Wight torna in piano controllo e, nel mentre, umilia Solow & Comoroto prima di atterrare Marshall con la Chokeslam che gli vale la vittoria.

VINCITORE: PAUL WIGHT

La visuale si sposta su Jon Moxley, il quale afferma di essere più che contento di poter affrontare Minoru Suzuki nella prossima puntata di Dynamite, per poi dire che ha intenzione di “dargli il benvenuto a Cincinnati”.

Poco dopo la visuale  si sposta su Malakai Black, dicendo a Dustin Rhodes che è prevedibile e che ha intenzione di rimetterlo al suo posto.

Ma adesso è arrivato il momento del main event di All Out!

AEW WORLD CHAMPIONSHIP MATCH: KENNY OMEGA (C) (w/DON CALLIS) VS CHRISTIAN CAGE

Ed il main event dell’edizione 2021 di All Out non poteva che essere lo scontro tra Kenny Omega Christian Cage con in palio l’AEW World Championship, rivincita della vittoria del Captain Charisma dell’IMPACT World Championship.

Omega tenta subito un Knee Strike all’angolo, ma Christian la evita e tanta la Killswitch. L’inizio è più infuocato che mai! L’IMPACT Wrestling World Champion scaglia l’avversario contro la barricata, prima di colpirlo con un Diving Crossbody ma The Cleaner si riprende quasi subito e scaglia Cage contro i gradoni d’acciaio.

Omega posiziona un tavolo sopra l’avversario, per poi colpirlo con un Double Foot Stomp dall’apron. Kenny, aiutato da Don Callis, apre un altro tavolo e cerca di scagliarci sopra Christian con un Suplex, ma questi lo contrattacca con un Suplex fuori dal ring. Omega, però, non demorde ed inizia a dominare sull’avversario una volta tornati sula ring.

Il leader dell’Elite sfodera un Back Suplex, poi lo fa cadere fuori dal ring dalla terza corda prima di colpirlo con un Moonsault dalla barricata fuori dal ring, sebbene non ci sia riuscito al primo colpo poichè inizialmente è scivolato.

Christian viene scagliato contro l’angolo e colpito con un’Ushigoroshi di Omega, tuttavia questi viene rimontato dal Captain Charisma che arriva a schivare la One Winged Angel ed ottiene il pieno controllo della contesa.

The Cleaner subisce una potente Tornado DDT, ma evita di nuovo la Killswitch e colpisce Christian Cage con un’Enziguri Kick e poi con il V-Trigger all’angolo. Omega usa un Suplex e di nuovo il V-Trigger, prima di essere schiantato conttro il tavolo dopo una Spear di Christian.

Il Captain Charisma sfodera altre due Spear, ma Omega si piega ma non si spezza e si riprende tornando in pieno dominio prima di sfoderare di nuovo il V-Trigger, prima di essere bloccato in una sottomissione ma Callis distrae l’arbitro ed arrivano i Good Brothers, ma Christian riesce a sbarazzarsi dei due per poi colpire Omega con la Killswitch.

Christian tenta un’Avalanche Killswitch, ma Omega usa la One Windged Angel dalla terza corda e si aggiudica la vittoria.

VINCITORE ED ANCORA CAMPIONE: KENNY OMEGA

Nel post-match si presentano anche gli Young Bucks l’Elite inizia a colpire violentemente Cage, ma a salvare questi si presenta il Jurassic Express ma anche loro vengono spazzati via dalla Super Elite.

Omega afferma che nessuno è al suo livello, non importa chi o da dove vengono, e che le uniche persone che potrebbero sconfiggerlo “sono altrove o sono morte”….

Ed a questo punto si presenta il nuovo acquisto della All Elite Wrestling: ADAM COLE, BAY BAY!  L’ex-Undisputed ERA tuttavia colpisce Jungle Boy con un Superkick e si riunisce all’Elite! 

Tuttavia risuona “The Fly of the Valkiries” e si presenta Daniel Bryan, o meglio BRYAN DANIELSON! Lo YES Man, in breve tempo, si sbarazza dell’Elite.

All Out si conclude con due nuovi debutti in AEW!

The Shield Of Wrestling è anche su carta stampata! Puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine, CLICCANDO QUI.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Per farti due risate a tema wrestling, segui i nostri amici di Spear Alla Edge su Instagram!

Bret Hart ha firmato un contratto con la AEW?Seguici su Google News

Ricevi aggiornamenti in tempo reale sul tuo dispositivo! Iscriviti ora!