Ad imageAd image

Aung La Nsang ricorda Anthony Johnson a ONE 163

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Aung La Nsang ricorda Anthony Johnson a ONE 163

Aung La Nsang, durante l’evento ONE 163, ha avuto modo di ricordare Anthony Johnson, fighter scomparso di recente.

Dopo la vittoria contro Yushin Okami avvenuta oggi, il lottatore di MMA birmano ha festeggiato tenendo tra le mani una foto incorniciata dell’ex lottatore americano, dedicandogli il trionfo.

- PUBBLICITA-

Quello di oggi è stato il ventottesimo successo in carriera su quarantadue incontri disputati in carriera.

 

Aung La Nsang dedica la vittoria a ONE 163 a Anthony Johnson

Aung La Nsang ha sfidato e battuto il nipponico Yushin Okami a Kallang, in Singapore, nel corso dell’evento ONE 163 dell’omonima promozione asiatica, vincendo per TKO in un minuto e quarantadue secondi.

Alla fine dell’incontro, il lottatore birmano ha fatto una dedica speciale per Anthony “Rumble” Johnson, lottatore americano scomparso di recente per un male raro al sistema immunitario a soli 38 anni, tenendo tra le sue mani una fotografia che ritraeva l’ex membro della divisione dei pesi mediomassimi della UFC.

Anthony Johnson è morto in settimana ed è stato difficile, ma so cosa vuol dire lottare nelle MMA. Ci ho messo tutto me stesso oggi per vincere e ricordarlo nella maniera giusta“, ha dichiarato il lottatore nell’intervista post match.

Quella di oggi è stata la ventottesima vittoria in carriera su 42 incontri per Aung La Nsang, ex campione dei pesi leggeri della ONE Championship.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ONE Championship (@onechampionship)

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento