Ad imageAd image

Call of Duty: tra gli operatori anche Neymar e Messi?

Giacomo Della Vecchia
2 minuti di lettura
Call of Duty: tra gli operatori anche Neymar e Messi?

Activision sta per lanciare sul mercato Call of Duty: Modern Warfare 2, videogioco in stile “battle royal” giunto alla sua seconda edizione.

Nel beta-test, che si concluderà il 19 Ottobre, sono apparsi alcuni volti molto noti.

- PUBBLICITA-

Dopo la comparsa di Snopp Dog e Fabio Rovazzi nella prima versione gioco, in questa edizione ci saranno anche Neymar e Lionel Messi.

Altri nomi di primissimo piano nel panorama mondiale che saranno presenti al prossimo capitolo del videogioco di guerra per console sviluppato da Activision.

Perché Activision ha scelto Neymar e Messi in Call of Duty?

Come detto, Call of Duty: Modern Warfare sarà lanciato ufficialmente il 28 Ottobre 2022 tramite un evento sul vecchio Modern Warfare.

Stando ad alcuni leak recuperati dall’utente TheGostHope, Neymar e Lionel Messi potrebbero essere aggiunti in seguito tramite un DLC, così come si vocifera di Cristiano Ronaldo mentre è già certa la presenza di Paul Pogba.

C’è da dire che in Call of Duty: Modern Warfare 2 non saranno presenti i giocatori del PSG ma degli operatori (personaggi) che gli assomiglieranno. La mossa è ovviamente volta ad acquistare il DLC in vista anche dei Mondiali di Qatar 2022.

Per quanto riguarda il gioco, poco le migliorie rispetto al precedente capitolo; in Call of Duty: Modern Warfare 2 ci sarà la nuova mappa Al-Mazrah oltre alla comparsa di nuove safe-zone mentre il Gulag (dove i giocatori eliminati possono tornare in gioco vincendo un duello) è stato allargato a 2v2 anziché in 1v1.

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
1 commento