Ad imageAd image

Christian Horner: La F1 ha sbagliato con i punti

Pasquale Basile
Pasquale Basile
3 minuti di lettura
Christian Horner: La F1 ha sbagliato con i punti

Christian Horner ha parlato della confusione fatta dalla FIA e dalla Formula 1 nel dare i punti completi nella gara di Suzuka.

Il boss della Red Bull si è appellato alle regole date dopo quanto avvenuto lo scorso anno a Spa, unendosi alla visione di alcuni team che sono rimasti stupiti dalla decisione, dato che la federazione si è dovuta appellare a un cavillo tecnico per motivare il secondo titolo di Max Verstappen.

- PUBBLICITA-

Infatti, dato che la corsa è ripresa dopo la bandiera rossa e il limite di tempo è stato superato, anche se la gara non si è disputata sull’intera distanza, vengono assegnati i punti completi.

 

Christian Horner critica il sistema di punteggio dopo Suzuka

Christian Horner, nonostante il titolo vinto da Max Verstappen oggi a Suzuka, non si è ritenuto soddisfatto da come la FIA ha gestito la situazione in merito ai punteggi assegnati dopo la gara.

Il Team Manager della Red Bull si è definito confuso, insieme con altre persone all’interno del paddock, per la situazione che si è creata a fine gara, quando tutti pensavano che il punteggio in classifica venisse dimezzato per i primi dieci, anche se le regole, dopo la gara di Spa dello scorso anno, sono cambiate.

Penso che la FIA abbia fatto un errore a non includere ciò dopo la gara di Spa e pensavamo che solo con il 75% della gara già disputato si potevano ottenere i punti completi. Pensavamo che ci mancava un punto per raggiungere il titolo, ma la mossa fatta da Sergio (Perez) su Leclerc ci ha regalato una sorpresa incredibile”, ha dichiarato Christian Horner in merito a quanto successo a fine gara.

Dopo i fatti di Spa-Francorchamps, la FIA ha stabilito delle nuove regole per omologare le corse anche in condizioni estreme. Nella gara di oggi, interrotta dopo pochi giri a causa della scarsa visibilità, si è comunque corso fino al limite di tempo, nonostante il fatto che non è stato superato il 75% per rendere la gara ufficiale.

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento