Ad imageAd image

Earnie Shavers è scomparso: Addio al pugile della Golden era

Riccardo Aruanno
Riccardo Aruanno
4 minuti di lettura
Earnie Shavers è scomparso: Addio al pugile della Golden era

Earnie Shavers, classe 1944, è stato un’ex pugile statunitense appartenuto alla cosiddetta Golden era, quella generazione di pugili che ha combattuto a cavallo fra gli anni 70′ e 80′.

Shavers nacque a Garland, Alabama. Crebbe in una famiglia numerosissima, assieme a nove fratelli. Fin dalla tenera età fu introdotto ai lavori da campo, siamo negli anni 50′ e l’America era ancora lontanissima dall’essere quel sogno di libertà che in tanti si auspicavano.

- PUBBLICITA-

A 22 anni, oramai orientato verso una vita operaia, sospinto da un amico, si iscrisse in una palestra di pugilato. Alto 183 cm ma dotato di un notevole allungo non passo inosservato e ben presto iniziò a combattere.

 

Earnie Shavers sfidò i più grandi: Da Muhammad Alì a Larry Holmes

Earnie Shavers (74-14-1) è stato un peso massimo, nell’epoca più ricca e ostica possibile. La categoria regina pullulava di campioni e ogni incontro si trasformava in un’efferata battaglia.

Shavers noto anche come “The black destroyer” non diventò mai campione del mondo, nonostante venisse considerato il picchiatore più potente, ebbene sì, anche di boxeur come George Foreman, Joe Frazier e Ron Lyle. In due occasioni egli disputò un match titolato.

La prima con “The Greatest” Muhammad Alì nel 1977 nell’iconico Madison Square Garden, dove Alì ebbe ragione su Shavers solo dopo aver incassato colpi tremendi per tutte e quindici le riprese e ottenendo alla fine una vittoria per decisione unanime. Alì era oramai in fase calante e purtroppo destinato a un triste declino causato dalla sindrome del Parkinson. In molti al tempo, ma non solo, collegarono la potenza dei colpi di Shavers alla malattia che sopraggiunse a The Greatest.

Nel 1979, dopo numerosi incontri, affrontò Larry Holmes dando vita un match memorabile, da vera e propria antologia della boxe. Durante la settima ripresa Shavers atterrò Holmes, con quest’ultimo che si riprese e finì il suo avversario all’undicesima ripresa, sempre per Ko.

 

Earnie Shavers: Il pugno più pesante di sempre

Earnie Shavers è poco ricordato a livello mediatico, le sue gesta in quell’epoca dorata nulla potevano contro l’egemonia dei più grandi. Di lui mai si sono dimenticati i suoi avversari. Vi riportiamo qualche citazione, senza commentare ulteriormente questo suo pugno, con la quale si è conquistato un pezzo di gloria nel firmamento dei migliori.

“Quando mi colpiva, sentivano male persino i miei antenati in Africa”. Alì su Shavers

“Quell’uomo può colpirti sul collo e farti sentire male alla caviglia”. Rendall Tex Cobb (ex peso massimo)

“Con un pugno poteva abbattere un grattacielo” Bert Randholp Sugar (storico della boxe)

Earnie Shavers è stato un brutale picchiatore, ma anche un buon uomo come assicura chi l’ha conosciuto. Ha concluso la propria carriera in fase di appannaggio a quarantotto anni, nel 1995. Dopo si è dedicato alla predicazione e alla propria numerosa famiglia.

Si è spento poche ore fa, a settantotto anni. Lascia questa terra dopo mille battaglie, per raggiungere i suoi ex avversari nel mondo dei più.

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Lascia un commento