Ad imageAd image

Italrugby battuta dal Sudafrica per 63-21 a Genova

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Italrugby battuta dal Sudafrica per 63-21 a Genova

L’Italrugby ha subito una pessima battuta d’arresto contro il Sudafrica, perdendo a Genova per 63-21.

Nell’ultima tappa delle Autumn Nations Series, gli Springboks campioni del mondo in carica hanno dato una lezione di Rugby alla compagine azzurra, crollata nella ripresa.

- PUBBLICITA-

Dopo le vittorie con Samoa e Australia, l’Italia chiude la finestra internazionale con una sconfitta che fa riflettere.

 

L’Italrugby crolla nella ripresa contro gli Sprinboks e perde 63-21

Niente da fare per l’Italrugby, che viene battuta per 63-21 a Genova contro il Sudafrica dopo un primo tempo ottimo, crollando nella ripresa e soccombendo allo strapotere della formazione campione del mondo in carica.

Davanti a ventisette mila spettatori, la compagine allenata da Kieran Crowley è riuscita a tenere il confronto per i primi venti minuti dell’incontro, passando anche avanti grazie al lavoro di Tommaso Allan sui calci, e al solito Ange Capuozzo, astro nascente del rugby azzurro, che realizza la prima delle due mete degli azzurri, mentre Lorenzo Cannone, nella ripresa, tampona una ferita ormai troppo grossa da ricucire.

Le nove mete sudafricane, arrivate nella maggior parte nel secondo tempo, hanno mostrato quanto gli azzurri hanno sofferto contro una squadra di alto livello.

La finestra internazionale di Novembre si chiude con due vittorie, quelle contro Samoa e Australia, e la sconfitta odierna, sulla quale ci sarà ancora da lavorare in vista del Sei Nazioni che partirà il prossimo 4 Febbraio.

 

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
2 Commenti