Ad imageAd image

Max Verstappen: posso battere Charles Leclerc

Giacomo Della Vecchia
2 minuti di lettura
Max Verstappen: posso battere Charles Leclerc

Max Verstappen, dopo le Qualifiche che lo hanno visto classificarsi 2° alle spalle di Charles Leclerc e davanti a Carlos Sainz, ha comunque dichiarato di poterlo battere nel GP Italia di domani.

Max Verstappen fa parte della folta schiera di piloti che sono stati penalizzati; il Campione del Mondo in carica partirà quindi dalla 4° casella nonostante la penalizzazione dato il fatto che i piloti dietro di lui sono stati a loro volta penalizzati.

- PUBBLICITA-

A fargli compagnia in 2° fila ci sarà Lando Norris mentre Carlos Sainz partirà dalla 18° casella. Nonostante la penalità, Max Verstappen è apparso sereno al termine delle Qualifiche.

Max Verstappen: le sue dichiarazioni al termine delle Qualifiche

Max Verstappen, al termine delle Qualifiche di oggi pomeriggio, ha dichiarato: “A dispetto di altre auto, abbiamo una buona velocità di punta. Solo le Ferrari sono più veloci di noi; penso che non sarà difficile arrivare alle spalle di Leclerc. Dovremmo solo stare attenti al degrado delle gomme, rispetto ad altri Team abbiamo optato per un carico aerodinamico un po’ più alto; dalle simulazioni fatte Venerdì abbiamo un bel passo gara, quando saremo dietro alle Ferrari avremo buone chances.”

Dato il fatto che le penalità sulla griglia saranno molte, si pensava addirittura che Max Verstappen potesse partire dalla 7° posizione ma la penalità a Lewis Hamilton e Carlos Sainz lo hanno fatto risalire in 4° posizione. Il pilota olandese, visibilmente scocciato dall’eccessiva complicatezza del regolamento, ha preferito non parlare del caos scaturito dai cambi del motore.

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Lascia un commento