Ad imageAd image

NBA, Green dei Warriors si è scusato per la rissa con Poole

Alessandro Podio
Alessandro Podio
3 minuti di lettura
NBA, Green dei Warriors si è scusato per la rissa con Poole
Contenuti dell'articolo

NBA, Draymond Green dei Golden State Warriors si è scusato per la rissa con Jordan Poole. Superato l’alterco, ora sarà riammesso in squadra.

“Draymond si è scusato con la squadra questa mattina”, ha detto il general manager Bob Myers ai giornalisti dopo l’allenamento di giovedì. “Jordan era presente nella stanza, io ero presente nella

- PUBBLICITA-

stanza con la squadra, gli allenatori, i giocatori e lo abbiamo sentito”.

Il general manager Bob Myers ha detto che tutte le azioni disciplinari saranno gestite internamente, ma ha sottolineato che non prevede che Green salti qualche partita per l’incidente.

 

NBA, basteranno le scuse di Green?

NBA, un’accesa discussione tra Green e Poole è degenerata in scontro durante l’allenamento di mercoledì, quando Green ha colpito Poole.

Da voci di corridoio Draymond Green dei Warriors avrebbe “colpito con forza” Jordan Poole durante l’allenamento, sotto gli occhi di staff e compagni.

Myers ha detto che nessuno si è fatto male, aggiungendo che Poole ha finito l’allenamento mercoledì ed era presente all’allenamento di giovedì, ed ha lasciato la struttura dopo essersi confrontato

con la squadra giovedì.

È un peccato, non lo nego“, ha detto Myers, “ci vorrà un po’ di tempo per superarlo, ma lo supereremo e andremo avanti , sono fiducioso che lo faremo, abbiamo una buona squadra, una

buona leadership, alcuni ragazzi che sono qui da molto tempo“.

Anche se non ha approfondito le cause dell’alterco, Myers ha detto che non crede che la lite tra Green e Poole “fosse legata a motivi contrattuali“, questo quando è noto che i rappresentanti di

Poole stiano discutendo con Myers per un’estensione del contratto prima della scadenza del 17 ottobre.

Myers ha descritto Green come un “leader emotivo e appassionato di questa squadra“, noto per il suo carattere, riconoscendo che l’alterco di mercoledì ha “superato il limite“.

“Sentite, è l’NBA, lo sport professionistico, queste cose succedono, non piacciono a nessuno e non le perdoniamo, ma succedono, non è la prima cosa che ci capita, non è la prima

avversità che sentiamo, ne abbiamo già passate altre“.

Non è la prima volta che Green e Poole litigano animatamente, già il 10 novembre scorso, durante la vittoria dei Warriors sui Minnesota Timberwolves per 123-111, i due hanno dovuto

essere separati da Steph Curry e altri giocatori dopo che avevano iniziato a litigare in panchina.

I Warriors sono reduci dal titolo NBA 2022, il quarto per Green e il primo per Poole, con  Golden State che aprirà la difesa del titolo nella stagione 2022-23 il 18 ottobre.

draymond green warriors ph. facebook@green

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
1 commento