Ad imageAd image

NFL: Uragano Ian spaventa tutti, i Buccaneers trasferiti

Alessandro Podio
Alessandro Podio
4 minuti di lettura
NFL: Uragano Ian spaventa tutti, i Buccaneers trasferiti

NFL, Il running back dei Buccaneers, Leonard Fournette, ha un ricordo vivido della distruzione causata dall’uragano Katrina nella sua New Orleans.

Aveva 10 anni, e anche se mercoledì ha dichiarato di non vivere nel passato, ha comunque riconosciuto che è una parte importante del suo viaggioche ora lo ha portato nel sud della Florida.

- PUBBLICITA-

Per una settimana con i Bucs, che hanno spostato le loro operazioni nelle strutture dei Miami Dolphins a Miami Gardens, in Florida, per almeno quattro giorni per sfuggire all’ultima grande

tempesta, l’uragano Ian che ha toccato terra mercoledì sulla costa sud-occidentale della Florida, a sud di Tampa.

L’area di Tampa Bay non si trovava nell’occhio del ciclone flagellato da venti a 155 miglia orarie, ma il vento, pioggia e l’ondata di maltempo sono stati comunque sufficienti per avere un impatto

notevole.

I Bucs sono stati costretti a lasciare la città quando si è capito che la furia di Ian si sarebbe fatta sentire lungo tutta la costa del Golfo della Florida.

Questo viaggio potrebbe inoltre servire a preparare i Kansas City Chiefs per la rivincita del Super Bowl del 2021 vinto da Tampa Bay, anche se il football non è la preoccupazione principale al

momento, con l’emergenza uragano che ha avuto la precedenza sui piani di gioco.

L’allenatore dei Bucs Todd Bowles ha dichiarato mercoledì che l’unico modo in cui i giocatori si sarebbero concentrati sul loro lavoro sarebbe stato quello di essere sicuri che le loro famiglie fossero

al sicuro, per questo è stato pianificato il trasferimento non solo dei giocatori e del personale della squadra, ma anche di coniugi, figli, genitori e altri membri della famiglia, compresi gli animali

domestici.

 

NFL, Ian preoccupa staff e giocatori

NFL:”so come è stato camminare in quell’acqua, spingendo sopra i cadaveri per far passare tua nonna e tuo nonno“, ha dichiarato Fournette prima dell’allenamento dei Bucs di mercoledì.

So quanto sia grave e quanto possa peggiorare, state attenti e proteggete la vostra famiglia, se avete la possibilità di evacuare, credo che sia quello che dovreste fare, soprattutto se avete dei

bambini piccoli“.

Anche se in pochi hanno vissuto l’esperienza di una tempesta che ha ucciso più di 1.800 persone e causato danni per 125 miliardi di dollari, costretti a passare quattro notti a dormire su

un ponte come ha fatto Fournette, il disagio di dover viaggiare per 270 miglia per preparare una partita è adesso nella prospettiva.

Il gioco del football non ha importanza quando si parla della vita delle persone“, ha detto il linebacker dei Bucs Devin White.

Più importante della sola squadra di football è assicurarsi che le famiglie dei giocatori siano al sicuro, le famiglie degli allenatori e tutti i membri dello staff, in modo da potersi concentrare sul

football“, ha detto Bowles.

La NFL sta ancora valutando la possibilità di spostare la partita Chiefs-Bucs, come noto le partite continueranno, sia che vengano spostate in un altro luogo o in un altro giorno.

Certo è che situazioni come questa, in cui si perdono beni e forse vite umane, con milioni di persone che fuggono dalle loro case per mettersi al sicuro, fanno sembrare il football, e lo sport in

generale, insignificanti.

Stiamo pregando per le famiglie di Tampa“.

tampa bay logo ph. facebook@tampabay

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento