Ad imageAd image

Novak Djokovic è di nuovo il benvenuto in Australia

Fabrizio Giovagnoli
2 minuti di lettura
Novak Djokovic è di nuovo il benvenuto in Australia

Novak Djokovic arriverà in Australia domani e sarà il suo primo ritorno nel Paese da quando, l’anno scorso, ne venne forzatamente deportato.

Pochi giorni prima dell’inizio degli Australian Open dell’anno scorso, l’allora numero 1 del mondo vide il proprio visto venire cancellato dalle autorità per “ragioni di interesse pubblico” e, dopo un breve periodo di fermo presso una struttura aeroportuale, venne deportato fuori dal Paese in quanto non in possesso delle vaccinazioni e documentazioni richieste dagli standard di contrasto al COVID.

- PUBBLICITA-

La messa al bando del campione è scaduta lo scorso Novembre e, nei prossimi giorni, avverrà l’atteso ritorno.

Novak Djokovic atterrerà ad Adelaide

Il presidente della federazione tennistica australiana, Craig Tiley, ha dichiarato oggi che Novak Djokovic è di nuovo il benvenuto nel Paese, atterrerà domani ad Adelaide e sarà ancora il giocatore da battere.

Tiley si augura che il pubblico del suo Paese riservi una calorosa accoglienza al campione serbo:

Ho molta fiducia nel pubblico australiano. Ho molta fiducia che i fan reagiranno come speriamo che reagiscano”.

Djokovic approccerà il primo torneo stagionale dello slam, del quale detiene già il record di 9 vittorie, con la possibilità di appaiare Rafael Nadal a 22 slam vinti in carriera.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Eurosport (@eurosport)

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Appassionato di arti marziali e sport da combattimento, le ha praticate per 20 anni oggi si limita a guardarle e scriverne per continuare a coltivare tale passione
Lascia un commento