Ad imageAd image

Scandalo Calcio Femminile USA: indagine su abusi sessuali

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Scandalo Calcio Femminile USA: indagine su abusi sessuali

Scandalo calcistico nel campionato femminile USA. La federcalcio americana ha commissionato un’indagine su abusi ai danni delle giocatrici.

Tale indagine è stata condotta dall’avvocato Sally Q. Yates, procuratore generale degli Stati Uniti d’America nei primi 10 giorni di mandato di Donald Trump nel 2017.

- PUBBLICITA-

La Yates ha ricevuto il prezioso contributo dello studio legale King & Spalding per stilare il resoconto completo di oltre 300 pagine pubblicato quest’oggi.

Le principali vittime sono giocatrici della nazionale femminile, partecipanti alla Coppa del Mondo e alle Olimpiadi. Ciò si estende anche alla National Women’s Soccer League e alla NCAA Division I.

Le conclusioni dell’indagine e il comunicato della US Soccer sullo scandalo

Stando a quanto riportato nel già citato resoconto, ad accendere lo scandalo è una lunga serie di segnalazioni di aggressioni e abusi sessuali.

La nostra investigazione ha rilevato numerosi abusi e aggressioni sessuali avvenute verbalmente o fisicamente all’interno della Lega, che vede coinvolti allenatore, squadre e una lunga serie di vittime.”

Pare che il resoconto riporti segnalazioni risalenti fino al 2012, anno delle Olimpiadi di Londra. Il primo dei tanti nomi segnalati è quello di Christy Holly, che ha allenato lo Sky Blue FC e il Racing Louisville tra il 2016 e il 2021.

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento