Ad imageAd image

Sydney-Hobart 2022 al via domani con possibilità di record

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Sydney-Hobart 2022 al via domani con possibilità di record

La Sydney-Hobart 2022, la regata di vela annuale di Santo Stefano che si tiene in Australia, inizierà domani con la possibilità di un record da battere.

Infatti, le condizioni meteo potrebbero favorire gli equipaggi alla ricerca del record di traversata compiuto nel 2017 da Comanche, che ha attraversato il percorso in un giorno, 9h:15′:24”.

- PUBBLICITA-

L’ultima edizione è stata conquistata dai monegaschi di Black Jack, presenti anche quest’anno e favoriti per il trionfo finale.

 

Inizierà domani la Sydney-Hobart 2022: Ci sarà il record di traversata?

La Sydney-Hobart, la classica regata di Santo Stefano che si disputa in Australia inizierà domani, e il meteo darà ottimi presupposti per un record che dura dal 2017.

In quell’anno, l’equipaggio australiano Comanche è riuscito a battere il record di traversata, arrivando da un capo all’altro in un giorno, 9h:15′:24”, traguardo che dura ancora oggi e che, grazie alle condizioni meteo che si presenteranno domani, favorevoli per gli equipaggi presenti alla corsa, potrebbe essere battuto.

Dopo il rinvio del 2020 a causa delle restrizioni legate al Covid-19, la corsa è tornata lo scorso anno ed è stata vinta per la prima volta dai monegaschi di Black Jack, presenti anche per l’edizione di quest’anno, che ci hanno impiegato un paio di giorni per arrivare nella capitale della Tasmania.

 

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
TAGGATI: ,
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento