Tom Dumoulin annuncia il ritiro a 31 anni

Pasquale Basile
Pasquale Basile
4 minuti di lettura
Tom Dumoulin annuncia il ritiro a 31 anni
Tom Dumoulin annuncia il ritiro a 31 anni

Tom Dumoulin ha deciso di smettere e di ritirarsi dal ciclismo professionistico con un comunicato.

Il ciclista olandese, di trentuno anni, aveva anticipato che questa sarebbe stata l’ultima stagione della sua carriera, ma ha anticipato il suo ritiro affermando di non dover dare nulla alla disciplina.

- PUBBLICITA-

L’ultima gara della sua carriera è stata la Classica di San Sebastian di quest’anno, chiusa anticipatamente. Nella sua carriera, Tom Dumoulin ha vinto il Giro d’Italia, la prova a cronometro singola e a squadre e due medaglie d’argento alle Olimpiadi

Tom Dumoulin ha annunciato il ritiro dal ciclismo

Tom Dumoulin ha annunciato oggi, tramite i propri profili social, il suo ritiro dal ciclismo professionistico a trentuno anni. Il ciclista della Jumbo-Visma aveva annunciato un paio di mesi fa che questa sarebbe stata la sua ultima stagione, ma ha cambiato idea nell’ultimo periodo.

“Ho deciso di lasciare il ciclismo professionistico con effetto immediato. Circa due mesi fa ho annunciato che mi sarei ritirato dal ciclismo professionistico alla fine dell’anno. La scorsa primavera, malgrado il mio amore per la bici, ho notato che le cose non stavano andando come volevo. Ho sentito che ero pronto ad una nuova fase della mia vita. Ma avevo ancora un progetto nella mia lista dei desideri, che era quello di chiudere la mia carriera con un botto, ai Mondiali in Australia.

Volevo affrontare la strada verso i Mondiali come fatto lo scorso anno con i Giochi di Tokyo. Con un senso di libertà, a modo mio, con il supporto del team e con la mia motivazione intrinseca come principale carburante. All’epoca è questo che mi aveva ridato la gioia di pedalare.

Ma ho notato che non ce la faccio più. Il serbatoio è vuoto, sento le gambe pesanti e le sessioni di allenamento non vanno come speravo per poter pensare di fare una buona performance e avere buoni sensazioni ai Mondiali. Dalla mia dura caduta in allenamento lo scorso settembre, qualcosa si è rotto di nuovo.

Ho dovuto nuovamente interrompere i miei sforzi per tornare alla mia forma precedente e affrontare una nuova delusione. È stata la volta di troppo. Anche se il mio addio non è andato come avrei voluto, guardo alla mia carriera con grande orgoglio. Ho lavorato duramente, e ho affrontato questi anni con passione e piacere, fornendo grandi prestazioni.

Sono cose che non dimenticherò mai. Ora è tempo di godermi altre cose ed essere presente per le persone che amo. Un grandissimo grazie alla mia squadra e a tutti coloro che mi hanno supportato nel corso di questa mia fantastica carriera. E un grazie speciale a mia moglie, che mi ha sostenuto per tutti questi anni”, ha dichiarato Tom Dumoulin nel suo comunicato di ritiro.

Nella sua carriera, Tom Dumoulin ha vinto il titolo mondiale nel 2017 sia nelle cronometro singola e a squadre, mentre alle Olimpiadi di Rio e Tokyo è arrivato in entrambi i casi secondo. Oltre ciò, ha vinto quattro volte il titolo nazionale a cronometro e un Giro d’Italia, sempre cinque anni fa.

 

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Avatar di Pasquale Basile
Inserito da Pasquale Basile
21 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento