Ad imageAd image

Brett Johns chiama Gallagher come card irlandese a Bellator

Alessandro Podio
Alessandro Podio
4 minuti di lettura
Brett Johns chiama Gallagher come card irlandese a Bellator
Brett Johns chiama Gallagher come card irlandese a Bellator

Brett Johns si dice felice, se la sua carriera dovesse concludersi con Bellator MMA. Specie dopo l’ultimo incontro, la risicata vittoria su Winski.

Detto questo, il veterano dei pesi gallo capisce che la promozione di proprietà della Paramount non è stata molto contenta della sua recente vittoria su Jordan Winski, maturata per decisione

- PUBBLICITA-

discutibile, e che sicuramente non rappresenta il tipo di incontro che verrà riproposto come uno dei migliori del 2022.

Sebbene la vittoria sia sempre la cosa più importante, Johns sa che ogni prestazione avrà sempre un valore di intrattenimento, ed è per questo che è pronto a scommettere la sua carriera

sul prossimo incontro.

 

Brett Johns chiuderà la carriera a Bellator?

Ho ricevuto messaggi da Bellator in cui mi si diceva che non erano soddisfatti delle mie ultime prestazioni e personalmente sento di dover fare qualcosa“, ha rivelato Brett Johns.

Voglio combattere contro James Gallagher la prossima volta, e se non lo finisco, tagliatemi dal circuito, alla fine della giornata, questo è ciò che voglio, voglio questi grandi incontri

ricordandovi che ho un record di 19-3, perché non dovrei farlo?”.

Brett Johns avrebbe dovuto affrontare Gallagher in occasione dell’ultimo evento di Bellator in Irlanda, ma il lottatore del Team SBG e Glory MMA and Fitness è stato escluso dal programma

alcune settimane prima dello show.

È così che Johns si è ritrovato con Winski come avversario e alla fine ha accettato l’incontro nonostante un infortunio alle costole occorso durante il campo di allenamento, cui si è aggiunto Johns

anche un infortunio al piede a causa di un calcio tirato contro Winski.

Ma non cerca giustificazioni il fighter per quella che molti definiscono una vittoria poco brillante, anzi piuttosto che difendere la sua prestazione, Brett Johns preferisce chiedere la possibilità di

fare ancora meglio con un incontro contro Gallagher a febbraio, quando Bellator tornerà di nuovo in Irlanda.

Non sono contento della prestazione“, ha detto Johns, “lo capisco, sono nella stessa barca di voi ragazzi, non sono gli incontri che voglio organizzare per la gente, ho bisogno di risollevarmi e di

fare qualcosa”.

Secondo Brett Johns, il fighter sarebbe venuto a conoscenza delle lamentele di Bellator tramite il suo manager, ma senza nutrire alcun rancore nei confronti della promozione.

Anzi, Johns elogia Bellator per il modo in cui è stato trattato dopo aver firmato con l’organizzazione come free agent a seguito di una vittoria di sette incontri con l’UFC, dove ha messo insieme

un impressionante curriculum di 5-2.

Bellator è stata fantastica con me e per questo mi sono sentito un po’ come se dovessi iniziare a muovermi, devo fare qualcosa e l’ultima cosa che voglio fare è far arrabbiare i capi, inoltre lo

dico chiaramente: sarei felice di finire la mia carriera qui, sarei felice di affrontare questi combattimenti ancora e ancora e di disputare il mio ultimo incontro con Bellator”.

“Questo è ciò che voglio, quindi sentire dai capi principali che non sono contenti delle mie prestazioni, mi sprona a fare qualcosa al riguardo”. 

“Sento di meritare l’incontro con Gallagher, 19 vittorie, 3 sconfitte, 2 titoli mondiali conquistati in passato con altre promozioni, merito un incontro di questa portata“.

brett johns ph. facebook@johns

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento