Ad imageAd image

eFIBA Season 1: Italia fuori nei gironi di qualificazione

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
eFIBA Season 1: Italia fuori nei gironi di qualificazione

La eFIBA Season 1 si è chiusa in malo modo per la nazionale italiana, eliminata nella prima fase delle Regional Finals.

Non sono bastate due vittorie su cinque gare a consentire il passaggio del turno al roster azzurro, che è dovuto soccombere ai danni di Francia, Lettonia e Turchia, dopo aver battuto Ucraina e Gran Bretagna.

- PUBBLICITA-

Nonostante l’eliminazione sono comunque usciti risultati positivi dall’esperienza online giocata dalla Etalbasket e dai suoi sei membri.

 

Italia fuori al primo turno della eFiba Season 1

La nazionale italiana di eBasket è uscita fuori al girone di qualificazione delle Regional Finals eFiba Season 1, competizione online organizzata dalla FIBA e dalla EFG con NBA 2K23, gioco leader nel settore.

Dopo la prima vittoria con l’Ucraina, a dovuto cedere il passo a Francia e Lettonia, prima di sconfiggere la Gran Bretagna e poi venire battuta dalla Turchia. Il record di 2-3 non ha consentito a Riccardo Bernardi, Marco Clemente, Andrea Falasca, Ilyass Kamal, Oleksandrovich Artem Kulyk e Gabriele Pezzoni di poter passare al turno successivo, chiudendo al quarto posto il girone con soli quattro punti.

Nonostante ciò, sono comunque usciti spunti positivi in merito al futuro della squadra, che sta continuando a farsi spazio nel mondo dell’eSports a spicchi.

 

 

Supporta TSOS

  Effettua una donazione a TSOS  

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento