Ad imageAd image

UFC, Yoel Romero risponde ad Israel Adesanya sulle recenti critiche sul match

Alessandro Podio
Alessandro Podio
3 minuti di lettura
UFC, Yoel Romero risponde ad Israel Adesanya sulle recenti critiche sul match
Contenuti dell'articolo

UFC, il campione dei pesi medi Israel Adesanya, definisce la vittoria contro Yoel Romero del 2018, come il punto più basso della sua carriera MMA.

Ricordiamo che si è trattato di uno dei combattimenti per il titolo più criticati dell’era moderna dell’UFC, segnata da uno stallo di 25 minuti che ha visto Adesanya e Romero combinare per sferrare

- PUBBLICITA-

meno di 90 colpi nel totale.

Il tutto ingigantito dal fatto che l’incontro che lo ha preceduto, Zhang Weili contro Joanna Jedrzejczyk, generalmente considerato uno dei più grandi della storia delle MMA.

Durante un’apparizione mercoledì a The MMA Hour, Romero è stato interrogato sui recenti commenti di Adesanya, dove “The Last Stylebender” ha attribuito a Romero gran parte della colpa per

la natura poco brillante dell’incontro.

Romero è attualmente impegnato contro Melvin Manhoef venerdì nel co-main event di Bellator 285, che si svolgerà alla 3Arena di Dublino, in Irlanda.

L’incontro con Adesanya è stato l’ultima apparizione di Romero nell’UFC. Il quarantacinquenne medaglia d’argento olimpica ha quindi chiesto il suo rilascio dall’UFC e ha firmato con Bellator

MMA nel 2020, dove ha ottenuto un 1-1 nei suoi primi due incontri con la promozione. Di recente, Romero ha ottenuto una vittoria per ko al secondo round contro Alex Polizzi a maggio.

 

UFC, dura la replica di Romero

UFC, anche Yoel Romero ci tiene ad intervenire sull’argomento: “E’ vero il match ha lasciato molto a desiderare, ma mettiamo le cose in chiaro, prima di tutto è stato lui a sfidarmi. Ricordo bene

che disse che se nessuno voleva affrontare la bestia l’avrebbe affrontata lui. E non solo, ha detto di volermi mandare in pensione’. E allora mi sono emozionato, mi sono detto che sarebbe stato

un combattimento incredibile“.

Così sono salito sul ring per fargli vedere la bestia, mi sono preparato per l’incontro, pronto a mettermi al centro dell’ottagono, pronto a combattere, pronto a far scorrere il sangue e a far

vedere ai fan una vera guerra totale!

Ma poi cosa è successo? Inizia a combattere, sente la mia potenza e all’improvviso cosa succede? Inizia a scappare da me. Non mi metterò a rincorrerti ho pensato, non è certo quello che farò.

L’UFC lo stava proteggendo troppo e, fondamentalmente credo che quello che volessero è che gli corressi dietro. No, non lo farò. Se si è sentito intimidito e non ha voluto scambiare pugni con

me,è colpa sua, non mia. Io mi sono solo alzato in piedi e ho voluto combattere come un uomo e scambiare colpi. Lui non ha voluto farlo, è colpa sua. Ma avrebbe potuto essere molto di più di

quello che è stato“.

romero risponde critiche adesanya ph. facebook@romero

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento