Ad imageAd image

Anderson Silva : sconfitta stupida ma non posso fermarmi

Alessandro Podio
Alessandro Podio
3 minuti di lettura
Anderson Silva : sconfitta stupida ma non posso fermarmi

Anderson Silva lamenta il fallimento della strategia “stupida” nella sconfitta di Jake Paul, ma continuerà a combattere: “non posso fermarmi”.

L’ex campione dei pesi medi UFC Anderson Silva nonostante la frustrazione maturata dopo la sconfitta con Jake Paul di sabato sera, ha deciso di continuare la sua evoluzione e non di appendere i guantoni al chiodo.

- PUBBLICITA-

Non posso fermarmi“, ha detto con enfasi Anderson Silva dopo la sconfitta per decisione unanime contro Paul nel main event del pay-per-view Showtime di sabato.

La sequenza di eventi che ha portato Silva al tappeto nell’ottavo round – e i punteggi unanimi 77-74, 78-73 e 78-73 a suo sfavore – sono stati difficili da digerire per “The Spider”, che anzi ha ricordato il suo ultimo incontro in UFC, la sconfitta per TKO contro Uriah Hall, che ha vinto al suo debutto nella boxe.

 

Anderson Silva continuerà a combattere?

“Ho fallito nella strategia, e nell’ultimo round Jake ha sferrato un buon pugno, e la mia base non era corretta“, ha dichiarato Anderson Silva ai giornalisti nella conferenza stampa post incontro, “è stato allora che ho preso il pugno, ma non mi sono sentito andare giù, non ho sentito la potenza, ma non avevo un buon equilibrio ed è stato allora che ho ceduto“.

Sono caduto due volte e ho parlato con il mio allenatore: “Non ci credevo, mi sono allenato duramente per non fare gli stessi errori, ma sono umano e non sono un supereroe, e a volte la mia metà umana fallisce“.

A 47 anni, Anderson Silva è sembrato a volte sovrannaturale contro Paul, più giovane di lui di 22 anni.

Secondo le statistiche di CompuBox, ha eguagliato o superato Paul in potenza di pugni in quattro degli otto round e in totale in cinque degli otto round, ma le tendenze positive hanno cominciato a invertirsi, tuttavia, nei due fotogrammi finali, e il K.O. ha creato un’impressione indelebile sull’andamento dell’incontro.

Non credo di aver subito un K.O. nell’ultimo round“, ha detto Anderson Silva, “ma ho fallito la mia missione e torno a casa, ad allenarmi meglio e a cercare di correggere la strategia per la prossima volta“.

Silva ha detto che la sua prossima missione è un torneo di jiu-jitsu ad Abu Dhabi e un aiuto per avviare l’associazione dei combattenti di MMA di Paul.

Quest’ultima era la ricompensa di Silva in caso di vittoria di Paul, anche se l’ex campione dell’UFC non aveva certo bisogno di essere convinto a migliorare le condizioni di lavoro dei suoi colleghi.

Anderson Silva ph. facebook@Anderson Silva
Anderson Silva ph. [email protected] Silva

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento