Ad imageAd image

Cherneka Johnson supera la Ramadan e mantiene titolo IBF 

Alessandro Podio
Alessandro Podio
3 minuti di lettura
Cherneka Johnson supera la Ramadan e mantiene titolo IBF 

Cherneka Johnson supera IHHJ e mantiene il titolo IBF, nonostante un inizio difficilissimo causato da una profonda ferita sulla fronte.

La Johnson dunque, sprezzante del taglio sopra la fronte rimediato proprio all’inizio della sua difesa di 10 round contro Susie Ramadan, non si è scomposta o fatta condizionare ed ha vinto

- PUBBLICITA-

all’unanimità mantenendo la sua cintura IBF dei pesi piuma junior femminili.

I punteggi sono stati 97-90, 96-92, 96-91, tutti per la Johnson.

 

Cherneka Johnson è la fighter da bettere?

Entrambe le fighter hanno iniziato il match in modo aggressivo con i loro jab, e già al secondo round erano entrambe sanguinanti: Susie Ramadan dall’occhio destro, e Cherneka Johnson dal naso.

E proprio la Johnson si è trovata in grave difficoltà alla fine del round, quando un involontario scontro con la testa dell’avversaria le ha aperto un enorme squarcio sulla fronte mentre tornava al

suo angolo alla fine del round, il volto di Johnson era una maschera rossa.

Un medico ha visitato la Johnson dopo l’interruzione e sulle prime sembrava intenzionato a fermare l’incontro ma, alla fine ha permesso che continuasse.

La Johnson, a suo merito, è sembrata combattere ancora meglio con il sangue che le colava dal viso, lottando in modo ancora più aggressivo nel terzo round.

Cherneka Johnson ha poi mantenuto la supremazia anche nel quarto round, mettendo a segno un knock down su Ramadan con il jab.

Da segnalare il grande lavoro dell’angolo di Johnson in grado di fermare l’afflusso costante di sangue dal taglio.

Johnson, 27 anni, ha infine preso il sopravvento nella seconda parte dell’incontro, prevalendo costantemente sulla 43enne Ramadan, che finisce con l’innervosirsi come nel settimo round,

dove le viene sottratto un punto per aver colpito la Johnson con un pugno dietro la testa, così come nell’ottavo per non aver ubbidito ai comandi dell’arbitro.

D’altronde la Ramadan (29-4, 12 KO) sembrava non avere più opzioni, ha fatto del suo meglio per contrastare Johnson, ma senza successo.

Cherneka Johnson ph. facebook@Cherneka Johnson
Cherneka Johnson ph. [email protected] Johnson

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento