Ad imageAd image

David Avanesyan: il titolo europeo era tutto, che peccato

Alessandro Podio
Alessandro Podio
4 minuti di lettura
Jose Zepeda vs. Regis Prograis, informazioni sull'undercard
Jose Zepeda vs. Regis Prograis, informazioni sull'undercard

David Avanesyan è ufficialmente passato alla fase successiva della sua carriera, e con questo anche le scelte che ne conseguono.

Rivela il pugile: “il titolo europeo significava molto per me, ma l’opportunità di Crawford è arrivata e dovevamo coglierla”.

- PUBBLICITA-

Ricordiamo infatti che l’agguerrito contendente dei pesi welter si è aggiudicato l’opportunità di affrontare il titolato della WBO e l’aspirante pugile della categoria “pound for pound” Terence “Bud” Crawford, in un incontro che avrà luogo il 10 dicembre, in diretta su BLK Prime Pay-Per-View dal CHI Health Center di Omaha, Nebraska, città natale di Crawford.

Ma la contropartita è stata la rinuncia a un incontro precedentemente programmato per il 19 novembre con lo spagnolo Jon Miguez, e con esso al titolo EBU (European Boxing Union) che avrebbe dovuto difendere per la sesta volta.

David Avanesyan avrà fatto la scelta giusta?

Il titolo europeo significava molto per me“, ha dichiarato David Avanesyan, “avremmo voluto fare questo incontro contro Miguez e poi combattere contro Terence Crawford, ma l’opportunità è arrivata quando è arrivata, quindi abbiamo dovuto coglierla“.

L’EBU ha già ordinato un incontro per il titolo vacante tra Miguez (17-0, 8KOs) e il francese Jordy Weiss (29-0, 3KOs), e le due parti hanno tempo fino al 15 novembre per trovare un accordo prima che venga convocata un’udienza per l’offerta di borsa.

Il posto vacante era una necessità per Avanesyan (29-3-1, 17KO), che ha goduto dell’equivalente della lotteria con la possibilità di combattere contro Crawford (38-0, 29KO), e il cui sviluppo si è concretizzato in meno di 48 ore, in realtà in un momento in cui Avanesyan si stava preparando per lo stretch run del suo training camp per affrontare Miguez.

Il team di Crawford si è messo in contatto con la sua squadra – guidata dal manager Neil Marsh – quando il campione dei pesi welter WBA/WBC/IBF Errol Spence (28-0, 22KO) ha iniziato ad allontanarsi dalle trattative per un superfight, ed alla fine giovedì scorso (20 ottobre), è arrivata la notizia che Crawford difenderà il suo titolo contro David Avanesyan, che porta una striscia di sei vittorie nell’incontro più importante della sua carriera.

Questo avviene a costo di lasciarsi alle spalle la cintura e le vittorie che l’hanno accompagnata per arrivare a questo punto.

David Avanesyan ha vinto il titolo EBU nel marzo 2019, rimontando da dietro per fermare l’imbattuto Kerman Lejarraga alla nona ripresa sulla strada di Bilbao, in Spagna.

Il pugile armeno-russo – che ora si allena nel Regno Unito – è tornato in Spagna per le sue prime due difese, che si sono concluse entrambe con un ko al primo round, con una vittoria a ripetizione su Lejarraga e con una sconfitta in 126 secondi di Jose del Rio a Barcellona.

Le vittorie, in particolare la prima su Lejarraga, hanno contribuito a dare una svolta alla carriera di David Avanesyan, che era in crisi dopo la sconfitta per ko contro l’allora imbattuto Egiidijus Kavaliauskas nel febbraio 2018, la sua seconda sconfitta in 52 settimane esatte, dopo la sconfitta per dodici round contro Lamont Peterson a Cincinnati, in Ohio, un’altra sconfitta avrebbe reso la sua carriera irrilevante, se non del tutto conclusa.

David Avanesyan ph. facebook@boxemania
David Avanesyan ph. [email protected]

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
TAGGATI:
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento