Ad imageAd image

Dustin Poirier lascia l’ospedale dopo l’infezione da stafilococco

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Dustin Poirier lascia l'ospedale dopo l'infezione da stafilococco

Dustin Poirier sta migliorando dopo due giorni in ospedale e sta per tornare a casa.

Il fighter, dopo l’incontro vinto su Michael Chandler, aveva preso una infezione al piede che lo ha costretto a un paio di giorni di ospedale, ma le cui condizioni sono migliorate grazie al funzionamento degli antibiotici.

- PUBBLICITA-

Il lottatore originario della Louisiana ha raccontato il suo malessere sui social, ma è pronto per dimettersi dall’ospedale.

 

Dustin Poirier si dimette dall’ospedale dopo due giorni di degenza

Dustin Poirier sta per lasciare l’ospedale dopo due giorni di degenza per aver contratto una infezione da stafilococco al piede, cosa comune in un ambiente come quello delle MMA dove il contatto fisico è parte dello sport, dopo l’incontro vinto contro Michael Chandler.

Negli ultimi giorni, tramite il suo profilo Twitter, ha raccontato il suo cammino verso la guarigione, mostrando anche le condizioni del piede infetto. Per fortuna, gli antibiotici hanno fatto effetto e il lottatore della Louisiana sta per fare rientro a casa.

Il tutto è avvenuto dopo UFC 281, evento nel quale lo stesso Poirier, che non saliva sull’ottagono della promotion da un anno, aveva partecipato al co main event del PPV sfidando Chandler e vincendo per sottomissione, raggiungendo il record di ventinove vittorie e sette sconfitte.

 

 

Supporta TSOS

  Effettua una donazione a TSOS  

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
1 commento