Ad imageAd image

MMA UK, Golden Era in arrivo?

Fabrizio Barbera
Fabrizio Barbera
8 minuti di lettura

MMA, uno sport che sta continuando, molto rapidamente, il processo di globalizzazione. Un movimento che fino a pochi anni fa era di dominio di due soli paesi (Stati Uniti e Brasile), oggi trova atleti d’élite da qualsiasi parte di questo pianeta toccando qualsiasi continente.

Se è vero che questo sport si sta espandendo sempre di più e quindi non è raro trovare un buon numero di fighter di uno stesso paese in UFC (l’Italia stessa qualche anno fa poteva vantare ben 6 atleti in UFC quasi contemporaneamente!), è invece molto raro trovare potenziali contendenti alla cintura UFC tutti appartenenti alla stessa area geografica.

- PUBBLICITA-

IN ARRIVO UNA GOLDEN ERA TARGATA “UK” NELLE MMA?

Leon Edwards, probabilmente il prossimo contendente alla cintura di Usman
Leon Edwards, probabilmente il prossimo contendente alla cintura di Usman

Ed è nel vecchio continente che oggi ci andiamo a soffermare, precisamente nel Regno Unito che, con un evento in Inghilterra nel lontano 2002, ha aperto le porte in Europa alla UFC, la più grande compagnia di MMA al mondo.

Per anni l’unico grandissimo atleta di MMA proveniente dal Regno Unito è stato Michael Bisping, primo e unico campione in terra UK, ma presto potrebbero aggiungersi altri nomi sulla lista dei lottatori che hanno indossato la cintura più ambito delle MMA…

Andiamo a vedere quali sono i combattenti di MMA più promettenti del Regno Unito. Iniziamo con le donne e troviamo, nei pesi paglia, la ventiduenne Cory McKenna con un record di sei vittorie e una sconfitta (subita tra l’altro contro la nostra Micol Di Segni).

Forse in questo caso è troppo presto, ma nella divisione più piccola in UFC, quella dei flyweight, attenzione al talento inglese imbattuto Jake Hadley. Con un record perfetto di otto vittorie su otto match disputati, Hadley, dopo aver vinto match sia in Cage Warrios e sia in Bellator, si appresta a debuttare in UFC contro Allan Nascimento il 19 marzo.

Nei bantamweight, divisione al limite delle 135 libbre ci sono due atleti molto interessanti. Uno è il classe ’93 Nathaniel Wood, ex campione Cage Warriors che ha un record in UFC di quattro vittorie e due sconfitte. L’altro è il fighter MMA nato in Galles Jack Shore. È imbattuto nelle MMA con un record di quindici vittorie su quindici incontri disputati all’interno dell’ottagono e in UFC può già vantare di quattro vittorie su quattro match.

Pure Shore è stato campione dei pesi gallo in Cage Warriors e ora, a ventisette anni, si ritrova ad un passo dalla top 15 dei ranking UFC. Jack Shore ha tutte le potenzialità per diventare un giorno un contendente credibile alla cintura UFC.

Nella categoria dei featherweight troviamo altri due atleti decisamente promettenti. Uno è Lerone Murphy, arrivato da poco in UFC, ma può vantare già tre vittorie e un pareggio nell’organizzazione e un record da imbattuto di dodici match. L’altro pure è imbattuto in UFC, ma ha più esperienza ed è già considerato come un possibile contendente alla cintura detenuta da Volkanovksi.

Stiamo parlando del numero 7 dei ranking UFC dei pesi piuma, ovvero Arnold Allen. Entrato in UFC nel lontano 2015, Allen ha combattuto otto incontri uscendo vincitore da tutte le battaglie. Ha battuto ottimi fighter di MMA come Makwan Amirkhani, Gilbert Melendez e, l’ultimo, Sodiq Yusuff, ma il suo grande problema è che non combatte con frequenza.

Soltanto nel 2019 Allen ha chiuso l’anno con due match, altrimenti le sue apparizioni sono solo di una volta all’anno. Pure adesso, il suo ultimo match di MMA è stato contro Sodiq Yusuff nell’aprile 2021 (vinto per decisione unanime), ma ancora non si sanno notizie di un suo ritorno nella gabbia. Ha le potenzialità per continuare a fare bene, ma deve trovare una certa continuità.

Come non citare Paddy Pimblett nella divisione al limite delle 155 libbre, i lightweight. C’è grandissimo hype attorno al combattente inglese di MMA nonostante abbia disputato soltanto un incontro in UFC (vinto per tko).

Difficile prevedere attualmente se Pimblett ha le caratteristiche per diventare campione della divisione, ma certamente è un lottatore molto talentuoso e interessante. Nella categoria welterweight occhi puntati ovviamente su Leon Edwards, il fighter britannico al giorno d’oggi più vicino a vincere la cintura UFC.

Il combattente inglese (nato in Giamaica) viene da nove vittorie consecutive in UFC e pare proprio che il suo prossimo combattimento sia direttamente per il titolo contro il campione Kamaru Usman. Si tratta di un rematch dato che i due si sono già affrontati nel lontano dicembre 2015 dove a vincere fu il nigeriano per decisione unanime.

Darren Till, il fighter britannico di MMA più famoso al mondo
Darren Till, il fighter britannico di MMA più famoso al mondo

Se il futuro della divisione dei pesi welter è nelle mani di Leon Edwards, quella middleweight è nelle mani di Darren Till. Il fighter MMA di Liverpool ha avuto l’opportunità titolata nella classe di peso al limite delle 170 libbre, ma ha perso per sottomissione contro l’allora campione Tyron Woodley.

Il classe ’92 non sta avendo un buon momento in UFC, ma ha dimostrato comunque grandi abilità e sappiamo che possa fare molto meglio di quanto mostrato negli ultimi combattimenti. Nei massimi leggeri spazio a Paul Craig. Il professore scozzese non è mai stato e pensiamo che non sarà mai un contendente alla cintura, ma è ampiamente da UFC.

Infine, nei pesi massimi è presente un fighter molto promettente che ha già fatto vedere delle cose molto interessanti in UFC, stiamo parlando di Tom Aspinall. Il classe ’93 ha un record nelle MMA di undici vittorie e due sconfitte, ma nell’Ultimate Fighting Championship non ha mai perso.

Aspinall ha combattuto quattro incontri in UFC di cui tre vittorie lampo per tko nel corso del primo round e una per sottomissione nel secondo round contro il veterano Andrei Arlovski. Ha già affrontato lottatori interessanti come lo stesso Arlovski e Sergey Spivak e, infatti, attualmente è classificato alla posizione numero 10 nei ranking UFC all’interno degli heavyweight.

Sicuramente non stiamo parlando di tutti futuri fenomeni come invece sembra essere in terra russa (qui un approfondimento dedicato a loro https://fight.theshieldofwrestling.com/ufc-russi-pronti-dominare-ufc-2022/), ma mai si sono visti tutti questi atleti (e ne abbiamo tralasciati un po’ come Tom Breese ad esempio) di un certo livello in Gran Bretagna. Il tempo ci dirà se questa sarà effettivamente una Golden Era UK nelle MMA.

The Shield Of Wrestling è anche su carta stampata! Puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine, CLICCANDO QUI.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

MMA UK, Golden Era in arrivo? MMA UK, Golden Era in arrivo?

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Segui:
Laureato in Comunicazione Pubblica e d'Impresa alla Sapienza, studio 'Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa'. Grande appassionato di sport, serie tv e anime Jap, mi piace scrivere e amo gli animali.
1 commento