Ad imageAd image

Next Gen ATP Finals: Passaro batte Arnaldi nel derby italiano

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Next Gen ATP Finals: Passaro batte Arnaldi nel derby italiano

Alle Next Gen ATP Finals il derby italiano è andato a Francesco Passaro, ventunenne perugino, che ha sconfitto Matteo Arnaldi.

Nonostante i problemi fisici, dato che Passaro ha accusato dei crampi nel quarto set, è comunque riuscito ad annullare tre match point nel quinto e decisivo set.

- PUBBLICITA-

Passaro è ancora in vita nel Gruppo Verde grazie alla vittoria ottenuta oggi, mentre Arnaldi, dopo aver perso per la seconda volta su due al quinto set, è ormai eliminato.

 

Passaro batte Arnaldi alle Next Gen ATP Finals 2022

Il derby delle Next Gen ATP Finals di Milano tra il perugino Francesco Passaro e il sanremese Matteo Arnaldi si è chiuso con il trionfo del primo in due ore e trentotto minuti per 4-3 (9-7), 2-4, 3-4 (4-7), 4-3 (7-4), 4-3 (10-8), in una battaglia che ha entusiasmato il pubblico meneghino.

I problemi fisici del giovane ventunenne, che ha avuto dei crampi nel corso del quarto set, non lo hanno fermato, consentendogli di restare in gara fino alla fine ed annullando tre match point in favore dell’avversario.

Grazie al trionfo ottenuto oggi, nonostante la sconfitta della prima giornata contro il ceco Lehecka, Passaro ha ancora delle chances di passare il turno, mentre con le due sconfitte avute nelle gare sia di oggi, sia di ieri contro l’americano Nakashima, Arnaldi deve salutare in anticipo il torneo.

 

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento