Ad imageAd image

Nyck de Vries citato in giudizio per un prestito

Giacomo Della Vecchia
Giacomo Della Vecchia
5 minuti di lettura
Nyck de Vries citato in giudizio per un prestito

Nyck de Vries, campione F2 nel 2019 e vincitore del Campionato di Formula E nel 2021, è stato citato in giudizio da un suo sponsor.

Nyck de Vruies si appresta a vivere la sua prima stagione di Formula 1 come pilota titolare della AlphaTauri, avendo preso il posto di Pierre Gasly passato all’Alpine in sostituzione di Fernando Alonso passato all’Aston Martin.

- PUBBLICITA-

Per il pilota olandese, che nella stagione 2022 di Formula 1 ha corso nel GP Italia al posto dell’indisposto Alexander Albon con la Williams conquistando il 9° posto ed i suoi primi punti iridati in carriera, si prospetta però un periodo complicato dopo essere stato citato in giudizio da un agente immobiliare olandese.

Le motivazioni della denuncia ai danni di Nyck de Vries

La vicenda riguarda quando accaduto nel 2018 quando Jeroen Schothorts, agente immobiliare proprietario di Investrand, si accordò con Nyck de Vries per il prestito di 250.000€ per aiutarlo nella sua carriera in Formula 2 per firmare con Prema Racing e cominciare quindi la sua carriera nel motorsport.

L’accordo tra Schothorst e Nyck de Vries prevedeva un tasso d’interesse del 3% all’anno oltre ad una cospicua somma dei premi per la Formula 1 dati al pilota; nel contratto tra le parti venne però specificato che, se de Vries non avrebbe fatto parte della Formula 1 nel 2022, la restituzione del prestito sarebbe stata sospesa fino fino a quando il pilota ex Mercedes non avesse raggiunto un accordo.

Stando a quanto riportato da alcuni quotidiani olandesi, Nyck de Vries avrebbe già versato circa 190.000€ nelle casse della Investrand, ma dato il fatto che non aveva un accordo per il 2022 in Formula 1 non ha contribuito a ripagare tale debito nonostante avesse un introito dalla Mercedes, dando per scontato la seconda parte dell’accordo. Jeroen Schothorts ha però presentato alcune carte in tribunale denunciando il pilota e aggiungendo che de Vries avrebbe volutamente nascosto i suoi guadagni per non pagare il prestito.

Lo stesso Jeroen Schothorst ha dichiarato: “Prima di tutto, voglio congratularmi con Nyck de Vries per il traguardo raggiunto; sarà fantastico per il nostro paese avere 2 piloti olandesi alla partenza del GP d’Olanda il prossimo Agosto. Il gruppo Investrand ha investito su di lui quando nessuno lo stava facendo ma purtroppo, al momento, abbiamo due visioni diametralmente opposte di come il rapporto stia andando avanti; non volevamo andare per vie legali ma ci vediamo costretti a farlo, ciononostante auguro a Nyck de Vries tutti i successi che potrà conseguire in Formula 1.”

Ovviamente Nyck de Vries ha immediatamente fatto sapere di aver informato Schothorst di tutte le variazioni contrattuali avute ed inoltre ha fatto sapere che, oltre alla cifra già versata, si impegnerà a ripagare il debito contratto. Stando però a quanto dichiarato dal suo avvocato Jeroen Bedaux, questa proposta sarebbe stata negata da Schothorts: “Il gruppo Investrand non ha accettato che Nyck sia diventato pilota di Formula 1 per il 2023 e non per il 2022, sforando il limite di tempo dell’accordo; credo che Joroen Schothorts sia anche molto deluso perché voleva fare da manager al pilota ma lui, educatamente, ha rifiutato.”

Questa intricata situazione si dipanerà comunque all’inizio del mese di Febbraio, in tempo per permettere a Nyck de Vries di vivere la stagione 2023 di Formula 1 con serenità e con l’obiettivo (non dichiarato, ma palese) di piazzarsi il più possibile nella zona punti con la sua AlphaTauri.

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Lascia un commento