Ad imageAd image

Cain Carrizosa: arrestato l’ex fighter con 4 capi d’accusa

Gianandrea Gornati
Gianandrea Gornati
3 minuti di lettura
Cain Carrizosa: arrestato l'ex fighter con 4 capi d'accusa

Cain Carrizosa è stato arrestato dopo aver presumibilmente picchiato una donna fino a provocarle delle convulsioni: dovrà rispondere di 4 capi d’accusa.

Il 1° gennaio, la polizia ha ricevuto una chiamata alle 4 del mattino, dopo che i genitori della vittima avevano sentito una discussione animata, secondo loro, rumori di percosse.

- PUBBLICITA-

All’arrivo, la polizia ha messo sotto custodia sia Carrizosa che la donna, che inizialmente era fuggita in preda al panico. La vittima ha inziato ad avere convulsioni, a causa di quello che si ritiene sia stato un altro colpo alla nuca inferto da Carrizosa.

La donna avrebbe continuato ad avere “convulsioni a ripetizione” mentre veniva portata in ospedale.

L’ex lottatore UFC è stato accusato di aggressione aggravata di secondo grado e violenza domestica, oltre che di rapina.

Le gravi accuse mosse a Cain Carrizosa

L’ex lottatore UFC Cain Carrizosa è dietro le sbarre. La polizia ha dichiarato che Carrizosa ha detto agli agenti di volersene andare per non tornare mai più una volta rilasciato.

A quel punto lo hanno collegato a un precedente incidente del 24 marzo 2022, che coinvolgeva la stessa donna.

Carrizosa, 36 anni, è stato arrestato lunedì dalla polizia di St. George, nello Utah, con l’accusa di aggressione aggravata di secondo grado (due capi d’accusa), rapina di secondo grado (un capo d’accusa) e violenza domestica di terzo grado in presenza di un bambino (un capo d’accusa), come confermato da MMA Junkie.

Secondo ABC4.com, il primo dei due incidenti è avvenuto il 24 marzo dello scorso anno. La vittima avrebbe raccontato alla polizia di aver avuto una discussione con Carrizosa, dopo la quale il 36enne l’avrebbe colpita con un pugno alla testa, facendola cadere sulla strada. L’ex peso leggero l’ha poi trascinata sul marciapiede e le avrebbe anche rubato il telefono prima di dileguarsi.

Il 2023 era già iniziato male per l’UFC, a partire dal filmato del presidente dell’UFC Dana White che schiaffeggiava più volte la moglie, pubblicato da TMZ.

Ora, Cain Carrizosa si aggiunge all’orribile lista di lottatori coinvolti in casi di violenza domestica.

Da domenica, Carrizosa è detenuto presso l’ufficio dello sceriffo della contea di Washington. Dovrà presentarsi mercoledì davanti alla Corte del Quinto Distretto di St. George.

 

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
TAGGATI: ,
Condividi l\'articolo
Lascia un commento