Ad imageAd image

Carlos Queiroz parla dopo i fischi ai giocatori dell’Iran

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Carlos Queiroz parla dopo i fischi ai giocatori dell'Iran

Carlos Queiroz, CT dell’Iran, ha parlato in conferenza stampa dopo il match contro l’Inghilterra dove i giocatori sono stati fischiati per l’inno.

Prima del match vinto dagli inglesi per 6-2, i giocatori iraniani non hanno cantato l’inno nazionale come segno di protesta nei confronti del regime attuale e in seguito a quanto sta avvenendo con le donne nel paese.

- PUBBLICITA-

Il mantra preso da Queiroz è quello che si gioca a Calcio senza volersi intromettere in questioni politiche.

 

Carlos Queiroz: “Chi non ci supporta che resti a casa”

Carlos Queiroz ha parlato dopo il match perso dal suo Iran contro l’Inghilterra per 6-2 e ha fatto delle dichiarazioni contro chi ha criticato il fatto che i giocatori, a inizio gara, non hanno cantato l’inno nazionale:

Questi ragazzi vogliono giocare a calcio, non fategli lezioni o finte morali. Chi non vuole supportare questi ragazzi, dovrebbe restare a casa. Abbiamo le nostre opinioni e le esprimiamo quando pensiamo sia giusto. Questi ragazzi vogliono giocare per il loro popolo, ma sono ragazzi, e questa atmosfera pesa”, ha dichiarato il CT della formazione persiana.

Queiroz ha difeso la squadra a spada tratta dopo il momento di polemica iniziale, che è servito ai giocatori come forma di protesta per il regime attuale e per come sta trattando da mesi le donne del luogo.

Il prossimo impegno dei persiani a Qatar 2022 sarà questo Venerdì contro il Galles alle ore 11.

 

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento