Ad imageAd image

Georges St-Pierre sostiene Paul su Associazione Lottatori

Alessandro Podio
Alessandro Podio
4 minuti di lettura
Georges St-Pierre sostiene Paul su Associazione Lottatori
Georges St-Pierre sostiene Paul su Associazione Lottatori

Georges St-Pierre si dichiara disposto ad aiutare la causa e gli sforzi sindacali di Jake Paul per gli atleti se: “l’organizzazione è fatta bene“.

Georges St-Pierre sostiene pienamente il pensiero della star di Youtube Jake Paul per riunire i fighter di MMA sotto un fronte unito: “non è una questione sul se dovrebbe accadere, un’unione – ma è una questione di quando accadrà“, ha dichiarato recentemente.

- PUBBLICITA-

Succederà, perché è successo nel pugilato, nel basket, nell’hockey, in tutti gli sport professionistici, ma le arti marziali miste, purtroppo, sono ancora uno sport giovane, è ancora uno sport nuovo, non come 20 anni fa, ma è ancora relativamente giovane, e prima o poi succederà, perché le condizioni per i lottatori possono essere migliorate di molto”.

 

Georges St-Pierre precursore dei tempi?

Quindi mi dispiace per molti di questi ragazzi“, ha continuato Georges St-Pierre, “si sente parlare solo dei ragazzi che ce la fanno, Conor McGregor, Khabib, Georges St-Pierre, che hanno fatto un sacco di soldi, ma la verità è che per la maggior parte dei ragazzi, il 99,9% dei ragazzi, è un film dell’orrore, una brutta fine per la loro carriera, una brutta fine nel complesso“.

Georges St-Pierre, 41 anni, non è nuovo alle iniziative di sindacalizzazione delle MMA.

Alla fine del 2016, ha fatto parte di un gruppo di cinque noti lottatori che hanno lanciato la sfortunata Mixed Martial Arts Athletes Association (MMAAA) insieme all’ex proprietario di Bellator Bjorn Rebney.

Insieme a Cain Velasquez, Donald Cerrone, T.J. Dillashaw e Tim Kennedy, St-Pierre ha sostenuto la necessità per i lottatori di “stare insieme” per ricevere un trattamento più equo da parte dell’UFC, ma la MMAAA si è rapidamente dissolta con poco da mostrare per i suoi sforzi.

Lo scorso giugno, Kennedy ha dichiarato a MMA Fighting che la “paura delle ripercussioni” da parte dell’UFC è stata la campana a morto per uno degli ultimi tentativi significativi di unire i lottatori alla causa.

Ma Paul si è fatto promotore di appelli per ravvivare la conversazione e si è persino assicurato il sostegno dell’ex campione dei pesi medi UFC Anderson Silva.

Prima dell’incontro di boxe di Paul contro Silva, i due hanno scommesso che Silva avrebbe aiutato Paul nei suoi sforzi se il 25enne YouTuber avesse vinto.

Alla fine Paul ha fatto proprio questo, sconfiggendo Silva con una decisione competitiva di otto round, e Silva ha ribadito la sua volontà di aiutare Paul all’indomani dell’incontro.

Succederà nelle MMA, è solo una questione di tempo e deve essere fatto con le persone giuste“, ha detto St-Pierre.

Farò sempre cose che sono per i combattenti, che sono giuste per i combattenti, questo è il mio obiettivo, Se l’organizzazione è fatta bene, sono disposto a fare qualsiasi cosa per aiutare i combattenti“.

Georges St-Pierre ph. facebook@Georges St-Pierre
Georges St-Pierre ph. [email protected] St-Pierre

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento