Intervista a Matteo Bobbi: “La F1 è lo sport più sano nel pianeta”

Sergio Pinna
Sergio Pinna
2 minuti di lettura
Intervista a Matteo Bobbi: “La F1 è lo sport più sano nel pianeta”
Intervista a Matteo Bobbi: “La F1 è lo sport più sano nel pianeta”

Ospite di The Shield Of Sports, Matteo Bobbi ha offerto una panoramica inedita sul mondo della Formula 1.

Il mondo della Formula 1 sta riscoprendo una popolarità che danni non viveva grazie alle ultime modifiche apportate sotto la gestione di Liberty Media. Tra i tanti sostenitori di questa “nuova epoca” troviamo anche il commentatore di SKY Sport F1 Matteo Bobbi.

- PUBBLICITA-

Intervista a Matteo Bobbi: “La F1 è lo sport più sano nel pianeta”

Matteo Bobbi sulla F1 di oggi: “Il gran lavoro di Liberty Media sta dando i suoi frutti”

Durante l’intervista concessa a The Shield Of Sports, il pilota ex collaudatore Minardi e Campione del Mondo FIA GT 2003 ha fornito il suo personale parere sul mondo della F1 di oggi tra innovazioni tecnologiche e il desiderio puramente romantico di rivedere la Ferrari di nuovo in vetta alla disciplina che Matteo Bobbi ritiene “lo sport più sano che c’è sul pianeta”

Di seguito potete seguire tutta l’intervista con Matteo Bobbi. Restate connessi su The Shield Of Sports per tutti gli aggiornamenti.

 

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Per farti due risate a tema wrestling, segui i nostri amici di Spear Alla Edge su Instagram!

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Lascia un commento