Ad imageAd image

Jake Paul accusa Floyd Mayweather: “sprechi i soldi dei fan”

Alessandro Podio
Alessandro Podio
4 minuti di lettura
Jake Paul accusa Floyd mayweather: "sprechi i soldi dei fan"

Jake Paul non concede a Floyd Mayweather neanche il tempo di rilassarsi, che lo chiama subito in causa con l’accusa di sprecare i soldi dei fan.

L’accusa che lo youtuber rivolge alla leggenda della boxe è di aver “rovinato la propria eredità dopo l’ultima imbarazzante vittoria al RIZIN“, e lo invita platealmente a smetterla di sprecare i

- PUBBLICITA-

soldi dei fan in incontri senza senso e senza storia.

Jake Paul dice chiaramente di volere Floyd Mayweather, dopo l’ultima vittoria della leggenda della boxe.

Mayweather, 45 anni, ha messo a segno un ko al secondo round contro Mikuru Asakura nel corso dell’incontro di domenica del Super Rizin, abbattendo il veterano delle MMA con una

combinazione di due pugni dopo alcuni minuti iniziali sorprendentemente competitivi.

L’incontro è stato il quarto incontro di esibizione di Mayweather dal suo ritiro dal pugilato nel 2017, dopo i precedenti incontri di esibizione contro Tenshin Nasukawa, Don Moore e Logan Paul,

tutti terminati con vittorie di Mayweather o senza punteggio ufficiale.

E il fratello Paul più avvezzo alla boxe dice di averne abbastanza, commentando i messaggi su Instagram e sottolineando che se a Mayweather “non interessa la differenza di peso di 35 libbre,

allora dovrebbe dimostrarlo“.

Paul, 25 anni, si è attirato la furia di Mayweather rubandogli il cappello nel 2021 prima dell’incontro della leggenda contro il fratello Logan Paul.

Paul è attualmente impegnato contro l’ex campione dei pesi medi dell’UFC Anderson Silva il 29 ottobre a Glendale, Ariz, il popolare YouTuber è stato collegato anche alla superstar delle MMA

Nate Diaz, ma Mayweather a questo punto potrebbe essere il prossimo grande nome a entrare nell’orbita di Paul.

Jake Paul provoca Floyd Mayweather: “combatti contro sconosciuti”

Jake Paul ha parole tutt’altro che delicate per Floyd Mayweather dopo il Rizin: “bene, signore e signori, siamo nel 2022 e Floyd Mayweather sta rovinando la sua eredità combattendo contro

gente senza nome, sprecando i soldi dei suoi fan ed il tempo“, questo il pensiero di Jake Paul sui social media “non conosce nemmeno i nomi dei ragazzi contro cui combatte… giusto per fare un

po’ di soldi per pagare le tasse“.

Lo youtuber poi ricorda l’episodio che portò allo screzio fra i 2: “non pensavo che ti saresti arrabbiato così tanto per un cappello“, e prosegue, “Floyd, io combatterò contro di te, e tu sai che è uno

dei più grandi incontri da fare nella boxe. Io peso 175, tu pesi 165, possiamo farlo e guadagnare un paio di milioni di dollari. Ma quale sarà la tua scusa? Non ti interessava il peso di mio

fratello, quindi perché ti interessa il mio peso? Forse perché sai cosa succederà. Io non voglio dire solo che ho il tuo cappello, ma voglio metterti a tappeto“.

Ma troverai un modo per girarci intorno. Hai paura di combattere contro Jake Paul, siamo nel 2022 e non riesco a credere a quello che sta succedendo, ragazzi.”

“Allora ti dico, Floyd incontriamoci nel mezzo. Io sono 175. Tu 165. Smettila di sprecare i soldi dei tuoi fan dando loro incontri che sanno che vincerai contro gente senza nome“.

mayw vs logan ph. facebook@paul

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento