Ad imageAd image

Morgan Super 3: tradizione e innovazione per la tre ruote

Riccardo Aruanno
Riccardo Aruanno
2 minuti di lettura
Morgan Super 3: tradizione e innovazione per la tre ruote
Contenuti dell'articolo

Morgan Super 3 è un’ autovettura costruita negli stabilimenti della casa britannica Morgan Motor Company. L’iconico mezzo ha subito numerosi stravolgimenti in ottica futura.

L’inconfondibile fascino della Morgan Super 3 resta invariato mentre a cambiare è il motore, cuore pulsante di qualsiasi vettura.

- PUBBLICITA-

Le sempre più stringenti regole antiinquinamento hanno costretto la Morgan ad attenuare alcune peculiarità che contraddistinguevano l’iconica auto sportiva a tre ruote.

Fra le novità più importanti, spiccano un nuovo motore 3 cilindri e il telaio monoscocca. Il costo dell’ automobile si aggira attorno ai 50 mila euro.

 

Morgan Super 3 ha un nuovo motore

Qualsiasi casa automobilistica è ormai da tempo impegnato nella transizione verso l’elettrico. Non è da meno la Morgan che per la Super 3 ha adottato cambiamenti inevitabili.

Per un mezzo che richiama tempi ormai lontani, tuttavia, non è stato possibile cambiare in maniera così drastica (elettrico) poiché la natura della macchina non permetteva un tale salto.

La Morgan nella fattispecie ha così deciso di eliminare il vecchio motore a V di derivazione motociclistica, puntando sul 3 cilindri Ford da 118 cv di potenza.

Un mutamento importante nella sostanza ma non nell’anima della storica auto diventata ormai iconica per molti appassionati. Chissà se la 3 ruote della Morgan diventerà anche un mezzo per una qualsiasi competizione motoristica.

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Lascia un commento