Ad imageAd image

La Sydney-Hobart 2022 va a Comanche

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
La Sydney-Hobart 2022 va a Comanche

La Sydney-Hobart 2022 è andata a Comanche, che torna alla vittoria dopo tre anni.

L’equipaggio battente bandiera americana ha completato il tragitto verso la capitale della Tasmania in un giorno, undici ore, cinquantasei minuti e quarantotto secondi, mancando di un paio d’ore il record ottenuto nel 2017 proprio dalla stessa imbarcazione.

- PUBBLICITA-

Per gli statunitensi è la quarta vittoria di sempre nella classica regata di Santo Stefano.

 

Comanche ottiene il quarto successo alla Sydney-Hobart

La Sydney-Hobart 2022 si è chiusa con la vittoria di Comanche, la quarta nella classica regata di Santo Stefano per l’imbarcazione disegnata in Francia e costruita negli Stati Uniti, ma di proprietà australiana.

L’equipaggio è riuscito ad arrivare in Tasmania in un giorno, undici ore, cinquantasei minuti e quarantotto secondi, senza riuscire a migliorare il record ottenuto dall’equipaggio nel 2017, quando riuscirono a toccare terra in un giorno, 9h:15′:24”, tempo di gara che resiste da cinque anni.

A completare la Top 5 della manifestazione ci sono LawConnect e i vincitori dello scorso anno, ovvero i monegaschi di Black Jack, mentre fuori dal podio ci sono Wild Oats, che negli ultimi anni è apparsa molto spesso sul gradino più alto, e Stefan Racing.

Dopo i successi degli anni 2015, 2017 e 2019, Comanche è riuscita quindi a riaffermarsi e a tornare al trionfo in una delle più grandi tradizioni della Vela mondiale.

 

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento