The Shield Of Sports
News dal mondo degli sport

Vettel: Altra critica alla Formula 1

Parole al veleno per il pilota tedesco

Sebastian Vettel ha parlato di come chi gestisce la Forrmula 1, e non solo, dovrebbe domandarsi se la sua caccia al denaro supera i valori morali.

Sebastian Vettel e la sua critica ai Gran Premi nei paesi con pochi diritti umani

Penso che ad oggi lo sport è comandato dai singoli, che hanno opinioni individuali e scenari dietro, quindi è difficile. Ma dobbiamo cercare la gente giusta per governare la disciplina e crescere. Esiste più di un interesse economico, ma penso che dopo un po’ chi organizza dovrebbe farsi una domanda: Avete una morale? Quindi, sapete dire no a certe cose? Oppure dite si ad ogni grande accordo dietro l’angolo, ma per i motivi sbagliati? Penso che questi siano quesiti per cui chi gestisce questo sport dovrebbe rispondere”.

Parole di fuoco per Sebastian Vettel nei confronti di chi organizza gare, come le tappe in Qatar e in Arabia Saudita, puramente per scopo economico, senza guardare alla situazione dei diritti civili, in paesi dove ne sono pochi o sono inesistenti.

Vettel, nel corso della stagione, non è stato nuovo a difendere molte battaglie, come per esempio quella legata ai diritti delle persone della comunità LGBTQ+ al GP di Ungheria, dove prima della gara ha indossato una maglietta arcobaleno, andando contro la politica di Viktor Orban, premier ungherese, fortemente contrario alle unioni tra persone dello stesso sesso.

Vettel indossa una maglia arcobaleno prima del GP d'Ungheria
Vettel indossa una maglia arcobaleno prima del GP d’Ungheria

Il pilota della Aston Martin continua così: “Penso che alcuni argomenti siano troppo grandi per essere trascurati. Siamo tutti d’accordo sul fatto che la gente dovrebbe essere trattata equamente. Non posso parlare per tutti i paesi del mondo ed essere esperto, perché non conosco, ma ci sono alcuni aspetti che, col tempo, ho imparato a conoscere. Andiamo in alcuni paesi dove srotoliamo degli striscioni con parole belle, ma più delle parole, c’è bisogno di azioni“.

Non so quale sia la miglior forma di comunicazione oltre a quella su una bandiera che mostriamo per due minuti in pista, ma sento che il nostro sport può dare pressione e un aiuto immenso per diffondere l’equità nel mondo. In fondo, non vedo perché si dovrebbe impedire alle persone dello stesso sesso di amarsi. Ogni forma di separazione è sbagliata, perché non esisterebbe il progresso. Pensate se in Formula 1 le auto fossero tutte le stesse, sarebbe noioso e non ci sarebbe alcun tipo di evoluzione. Lo stesso vale per noi, ci siamo evoluti grazie alla diversità e dovremmo celebrarla, invece che averne paura”.

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Per farti due risate a tema wrestling, segui i nostri amici di Spear Alla Edge su Instagram!

Bret Hart ha firmato un contratto con la AEW?Seguici su Google News

Ricevi aggiornamenti in tempo reale sul tuo dispositivo! Iscriviti ora!

lascia un commento