MotoGPMotori

Alex Rins insegue il record di Valentino Rossi

Alex Rins insegue un record di Valentino Rossi in MotoGP

Alex Rins si prepara alla prima gara della stagione, sognando di raggiungere un record che per il momento appartiene solo a Valentino Rossi.

Infatti, il nuovo pilota della LCR Honda spera di vincere la prima gara dell’anno, per agguantare il primato esclusivo di vincere due gare consecutive con due costruttori diversi, appartenente appunto a Rossi.

Lo scorso anno, Alex Rins vinse l’ultima gara al GP di Valencia con la Suzuki. Perciò, se lo spagnolo riuscisse a vincere a Portimao nel suo esordio con la LCR Honda, diventerebbe il secondo pilota di sempre a raggiungere tale impresa dopo Valentino.

Honda riparte anche da Alex Rins

Honda punta ad una stagione di rilancio anche con Alex Rins dopo i risultati sottotono degli ultimi anni, dove entrambi i team della casata giapponese non sono riusciti a mettere in pista una moto capace di competere con i team rivali.

Il periodo difficile in casa Honda, confermato anche da una moto non brillante nei test pre-stagionali, pone tutti i presupposti per un weekend in Portogallo tutt’altro che positivo, ma Alex Rins non vuole arrendersi di fronte alle difficoltà.

Domenica, lo spagnolo potrà avere una una marcia in più rispetto agli avversari, poiché spronato dalla rincorsa all’impresa di Rossi. Il nove volte campione del mondo vinse l’ultima gara del 2003 con la Honda proprio a Valencia e nel 2004 trionfò nuovamente in Sud Africa al debutto con la Yamaha.

Rins correrà quest’anno con il team LCR Honda,  team “satellite” di Honda, che spera di aver aggiunto un’importante pilota nelle sue file. Honda ha fatto affidamento negli ultimi anni al talento di Marc Marquez, colpito però da una serie di operazioni che l’hanno costretto ad abbandonare il palcoscenico della MotoGP per molto tempo.

Ora la casata giapponese può fare affidamento anche al talento di Alex Rins, per ritornare in cima alle classifiche.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alex Rins 42 (@alexrins)