Ad imageAd image

Angelo Cito: è stato un anno speciale per il Taekwondo italiano

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Angelo Cito: è stato un anno speciale per il Taekwondo italiano

Angelo Cito ha fatto i complimenti agli atleti del Taekwondo italiano per l’ottimo 2022.

Il presidente della FITA si è complimentato con tutta la formazione nazionale e con i tecnici per l’anno appena trascorso, un 2022 pieno di successi per la formazione.

- PUBBLICITA-

L’anno della disciplina si è chiuso questo weekend con le Grand Prix Finals disputate in Arabia Saudita, dove Simone Alessio ha vinto l’oro nella categoria -80 Kg.

 

Angelo Cito fa un bilancio positivo della stagione 2022 per il Taekwondo italiano

Angelo Cito, presidente della FITA, la federazione italiana Taekwondo, ha commentato il 2022 del movimento italiano, definendolo un anno molto positivo per i successi arrivati.

Si chiude un anno fantastico, sono orgoglioso dei miei Azzurri e del lavoro straordinario del DT Claudio Nolano e di tutto lo staff Tecnico Nazionale. Tutti loro meritano da parte mia un ringraziamento speciale“, ha commentato il numero uno della federazione italiana.

La stagione si è chiusa ieri con le finali del Grand Prix, dove Simone Alessio ha ottenuto l’oro nella categoria -80Kg, che oltre a valergli il primato nell’attuale ranking olimpico, gli è valso anche il premio di Migliore Atleta dell’anno da parte della federazione internazionale. Oltre ciò, c’è anche da rendere conto della stagione 2022 di Vito dell’Aquila, oro a Tokyo 2020, che si è laureato campione del mondo a Guadalajara quasi un mese fa.

 

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento