KickboxingNews

Buakaw Banchamek combatterà nel K-1 World MAX 2024

Buakaw Banchamek combatterà nel K-1 World MAX 2024

Buakaw Banchamek tornerà a combattere nel K-1 World MAX il 7 luglio, in qualità di partecipante alle fasi finale del torneo.

Una grande notizia è giunta nelle ultime ore per gli appassionati della kickboxing, in particolar modo della K-1: il leggendario Buakaw Banchamek tornerà nella storica organizzazione giapponese come partecipante del World MAX, il celebre torneo che ha fatto il suo ritorno quest’anno.

Il thailandese, ricordiamo, ha un legame speciale con questa storica competizione: nel 2004 vinse il suo primo World MAX sconfiggendo in finale un’altra leggenda dello sport, Masato Kobayashi. Partecipò ad altre edizioni del torneo, ma replicò la vittoria nel 2006.

Il 7 luglio, esattamente 20 anni dopo la vittoria del suo primo World MAX, tornerà a combattere nelle fasi finali della nuova edizione.

Chi affronterà Buakaw Banchamek?

Il primo avversario che Buakaw Banchamek si troverà di fronte nei quarti di finale del tabellone del K-1 World MAX 2024 sarà il cinese Ouyang Feng.

Soprannominato “Western Poison”, egli è l’attuale campione mondiale di Wu Lin Feng e di K-1 nella categoria 70 kg. Iniziato al professionismo nel 2018, egli vanta di un record di 38 vittorie, 3 sconfitte e 1 No Contest.

Al momento, Feng è imbattuto da quasi 2 anni, e ha iniziato il suo 2024 in grande stile grazie a una vittoria sul celebre georgiano David Kiria. A marzo è stata poi la volta della vittoria sul tedesco Pascal Schroth, grazie alla quale ha potuto qualificarsi per le fasi finali del K-1 World MAX 2024.

Si prospetta già nei quarti di finale una sfida interessantissima tra i volti di due generazioni diverse. Nel torneo allo Yoyogi 2nd Gymnasium di Tokyo vedremo in azione anche atleti del calibro di Kacper Muszyński e Zhora Akopyan.

Non resta che attendere dunque il mese prossimo per rivedere in azione Buakaw Banchamek e assistere a un grandioso torneo di K-1.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BeyondKick.com (@beyondkickboxing)