Ad imageAd image

Daniel Grassl è il 1° italiano a qualificarsi alle finali del Grand Prix

Pasquale Basile
Pasquale Basile
1 minuti di lettura
Daniel Grassl è il 1° italiano a qualificarsi alle finali del Grand Prix

Daniel Grassl è tornato a scrivere la storia del pattinaggio artistico italiano, qualificandosi alle finali del Grand Prix.

Per la prima volta nella storia, un pattinatore del nostro paese avrà modo di partecipare all’atto finale della stagione per quanto concerne una delle discipline del ghiaccio.

- PUBBLICITA-

Dopo aver ottenuto la qualificazione alle finali juniores nel 2019, il meranese sarà di nuovo presente a Torino.

 

Daniel Grassl sarà presente a Torino per le finali del Grand Prix di pattinaggio artistico

Daniel Grassl ha ottenuto la qualificazione per le finali del Grand Prix di pattinaggio artistico, diventando il primo italiano a raggiungere questo obbiettivo.

Il nativo di Merano ha fatto ciò senza partecipare all’NHK Trophy di Sapporo, in Giappone, dato che ha partecipato alla tappa di Varsavia della Challenger Series, chiudendo secondo dietro al transalpino Kevin Aymoz, e sfatando un tabù per il movimento maschile della danza su ghiaccio.

Per la prima volta, l’Italia avrà un rappresentante non solo nella competizione maschile, ma anche nelle altre competizioni interessate. In primis, ci sarà Nikolaj Memola nella finale maschile juniores, e poi le coppie formata da Sara Conti e Niccolò Macii e da Charlène Guignard e Marco Fabbri.

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento