Ad imageAd image

Daniel Grassl trionfa all’MK John Wilson Trophy 2022

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Daniel Grassl trionfa all'MK John Wilson Trophy 2022

Daniel Grassl fa la storia del Pattinaggio Artistico italiano, vincendo l’MK John Wilson Trophy di Sheffield.

Il ventenne altoatesino, con un punteggio finale di 264.35, ha ottenuto un successo vitale per la sua stagione e la sua carriera, dato che, in attesa delle altre tappe, può ancora qualificarsi per le finali di Torino in programma a Dicembre.

- PUBBLICITA-

Per la prima volta nella storia del Grand Prix di Pattinaggio di Figura, l’Italia si impone in una gara della manifestazione.

 

Daniel Grassl fa la storia del Pattinaggio artistico italiano

Daniel Grassl ha trionfato a Sheffield, all’MK John Wilson Trophy, facendo ottenere al movimento maschile italiano il primo trionfo di sempre in una tappa del Grand Prix di Pattinaggio Artistico.

Il punteggio di 264.35 ottenuto nel complessivo è bastato al ventenne di Merano per far ottenere all’Italia un risultato storico. Nonostante una caduta arrivata su un tentativo di quadruplo flip, dove è atterrato su due piedi, ha ottenuto un ottimo punteggio nel programma libero, dopo aver concluso al secondo posto quello corto.

Completano il podio il lettone Deniss Vasiljevs, che ha chiuso con 254.56, e il nipponico Sato Shun, che ha terminato con 166.35. L’Italia, dopo Canada, Russia, Stati Uniti e Francia, diventa il quinto paese con una vittoria nel Grand Prix, ma la questione qualificazione per Daniel Grassl alle finali di Dicembre a Torino è ben lungi dall’essere conclusa.

 

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
2 Commenti