Ad imageAd image

IFAF: La Top 5 delle presenze nelle qualificazioni per l’Europeo 2023

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
IFAF: La Top 5 delle presenze nelle qualificazioni per l'Europeo 2023

IFAF: Sono stati diffusi i dati di presenza delle gare dell’ultima finestra internazionale dedicata alle qualificazioni del prossimo Europeo.

A comandare la Top 5 è la Divisione D, che ha visto una grande presenza di pubblico per tutte e tre le gare del raggruppamento che ha visto in campo Ungheria, Francia e Austria.

- PUBBLICITA-

Anche il match che ha visto l’Italia vincere contro la Gran Bretagna è presente nella lista.

 

Buona presenza di pubblico per le qualificazioni all’Europeo IFAF

L’ultima finestra internazionale delle gare di qualificazione all’Europeo IFAF ha regalato una buona presenza di pubblico, che dopo un paio di anni di assenza legata alla pandemia in corso è tornata a vedere il meglio del Football europeo.

Tre delle cinque gare della lista sono tutte della Divisione D, quella composta da Ungheria, Austria e Francia, e che ha visto gli austriaci ottenere due vittorie su due gare, passando il turno e sfidando l’Italia nelle semifinali in programma tra qualche mese. Infatti, la gara tra Ungheria e Francia è stata quella più vista (2270 spettatori), seguita da Francia-Austria, con 2000 presenze, e da Austria-Ungheria, che ha avuto 1432 tifosi sugli spalti.

A proposito di Italia, il match del Velodromo Vigorelli vinto dagli azzurri contro la Gran Bretagna ha visto 1050 spettatori sugli spalti dello stadio meneghino, seguito dal match tra Svezia e Serbia della Divisione B, che ha avuto 942 spettatori.

 

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento