Ad imageAd image

Kyler Murray: Stagione finita per il QB dei Cardinals

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Kyler Murray: Stagione finita per il QB dei Cardinals

Kyler Murray si è rotto il legamento crociato e per tanto la sua stagione è terminata in anticipo.

Il fatto risale alla gara di ieri dei suoi Arizona Cardinals contro i New England Patriots, vinta dagli avversari per 27-13, quando all’inizio dell’incontro il QB è rimasto a terra su una azione dove non aveva subito alcun tipo di contatto.

- PUBBLICITA-

Dopo tutti gli esami del caso è stata confermata la rottura del legamento crociato, che terrà il giocatore fuori a lungo.

 

Kyler Murray out per il resto della stagione in corso

Kyler Murray si aggiunge alla lunga lista degli infortunati di lusso della NFL dopo la conferma della rottura del legamento crociato arrivata oggi.

Il QB degli Arizona Cardinals è uscito dal campo dopo un minuto e mezzo dall’inizio dell’incontro della sua squadra contro i New England Patriots giocata nella notte di Lunedì dopo essere caduto a terra da solo, quindi senza subire alcun contatto di gioco. Portato via in barella, oggi è arrivato l’esito degli esami che hanno certificato la rottura del legamento, il che lo obbligherà a restare fuori fino all’inizio della stagione 2023.

Nel corso della scorsa offseason, Kyler Murray ha firmato un contratto di cinque anni da 230 Milioni, ma purtroppo il 2022 è stato il peggiore anno della sua carriera, chiudendo da titolare con un record di 3-7 e il peggior numero di yarde per tentativo in media.

 

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento