Ad imageAd image

Marcel Franke dona le sue cellule staminali per salvare una vita

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Marcel Franke dona le sue cellule staminali per salvare una vita

Marcel Franke ha donato delle cellule staminali per salvare una persona malata di cancro, come rivelato dal suo club in settimana.

Il difensore del Karlsruhe, squadra di Serie B tedesca, ha fatto questo gesto in modo da poter far scampare da morte certa chi ha delle malattie del sangue.

- PUBBLICITA-

In Germania la cura con le cellule staminali è permessa per combattere malattie come la Betatalassemia, cosa che in Italia è ancora proibita.

 

Marcel Franke ha donato le proprie cellule staminali per salvare vite umane

Marcel Franke, difensore del Karlsruhe, squadra di Zweite Liga, ha donato le sue cellule staminali in modo da poter salvare una persona malata di cancro. Il fatto è avvenuto in settimana, come annunciato dallo stesso club in un comunicato, e per questo non sarà in campo nella sfida di domani contro il Darmstadt.

Tre mesi fa, ho ricevuto una chiamata che mi diceva che ero in una cerchia ristretta per una potenziale donazione di cellule staminali, e in quel momento era chiaro a tutta la mia famiglia che l’avrei fatto sicuramente. La probabilità era davvero molto bassa che fossi il donatore giusto, ma tre settimane dopo ho ricevuto la chiamata che ero perfetto. È una bella sensazione sperare di poter salvare la vita a qualcuno”, ha dichiarato lo stesso Franke in una intervista.

Il giocatore ha compiuto una azione che in Germania è definita legale, in quanto il paese è il primo in Europa ad aver legalizzato la cura con le cellule staminali per le malattie del sangue, come la Betatalassemia, mentre nel nostro paese questo tipo di cura è ancora illegale.

 

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento