Ad imageAd image

Mattia Binotto: la Ferrari difende il suo operato

Giacomo Della Vecchia
2 minuti di lettura
Mattia Binotto: la Ferrari difende il suo operato

Mattia Binotto non è al momento a rischio licenziamento stando a quello che John Elkann, Presidente della Ferrari, ha dichiarato alla vigilia del GP Italia 2022.

Il Team Principal della scuderia di Maranello è sulla graticola nonostante un inizio di stagione promettente che aveva issato Charles Leclerc come possibile contendente al Campionato Mondiale Piloti. Ma tra errori di strategia, piccoli errori del pilota ed un’affidabilità non all’altezza presto la Ferrari è uscita di scena.

- PUBBLICITA-

John Elkann ha voluto comunque difendere l’operato di Mattia Binotto ammettendo comunque che i piccoli errori devono essere corretti in futuro.

Mattia Binotto: le parole di John Elkann sul suo operato

John Elkann ha voluto così difendere l’operato del Team Principal della Ferrari: “Abbiamo grande fede in Mattia Binotto, apprezziamo molto quanto è stato fatto da ingegneri, meccanici ed anche piloti nel corso della stagione; dobbiamo continuare così ma anche migliorare il lavoro di ogni reparto. Abbiamo notato tutti quanti gli errori di strategia e di affidabilità dell’auto; siamo tornati competitivi ma non è ancora abbastanza, credo si possa fare ancora meglio.”

Riguardo al futuro della Ferrari, John Elkann è sembrato molto ottimista: “Volevamo essere competitivi e ci siamo riusciti. Mattia Binotto ha fatto un buon lavoro e sono convinto che, prima del 2026, riusciremo a portare a casa sia il Titolo Piloti che il Titolo Costruttori; Charles Leclerc e Carlos Sainz sono due ottimi piloti, forse la miglior coppia nella F1 moderna. Siamo fiduciosi per il futuro.”

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Lascia un commento