Ad imageAd image

McLaren: la sanzione alla Red Bull non è abbastanza forte

Giacomo Della Vecchia
3 minuti di lettura
McLaren: la sanzione alla Red Bull non è abbastanza forte

McLaren, per voce del suo Team Principal Andreas Seidl, ha commentato la penalità inflitta alla Red Bull Racing per via dello sforamento del budget cap.

Nella giornata di ieri vi abbiamo riportato che la FIA ha sanzionato Red Bull Racing per 7.000.000 $ e la riduzione del 10% in galleria del vento per il 2023 mentre Aston Martin è stata multata di 450.000 $ per via di una procedura errata.

- PUBBLICITA-

Molti team della F1 hanno fatto sentire tutto lo sgomento per una sanzione a loro dire inadeguata alla portata, tra cui Ferrari e McLaren; la scuderia britannica, per voce del suo Team Principal Andreas Seidl, ha dichiarato che la sanzione non è abbastanza forte.

Le dichiarazioni di McLaren sulle sanzioni alla Red Bull

Andreas Seidl, Team Principal della McLaren, ha dichiarato: “Ho sensazioni miste a riguardo della faccenda budget cap; da una parte sono contento che tutti i team abbiano diligentemente consegnato il bilancio alla FIA. Sono anche contento che siano state applicate delle sanzioni ai team che hanno sbagliato, perché si è scoraggiato i team ad andare in una zona d’ombra indipendente dallo sforamento finanziario; ma dal nostro punto di vista, la sanzione non rispecchia lo sforamento. Non è forte abbastanza, speriamo che in futuro simili irregolarità vengano trattate con pugno più duro.”

Riguardo alla riduzione del 10% del tempo nella galleria del vento per Red Bull Racing, Andreas Seidl ha aggiunto: “Può fare la differenza, ma ripeto se lo paragoniamo allo sforamento non è proprio giusta; ho evitato di guardare la conferenza stampa di Christian Horner, ho smesso di credere alle favole quando ero bambino. La FIA ha dimostrato che 9 team su 10 sono stati sotto il budget cap per il 2021, pertanto non mi sento di dire che il meccanismo è sbagliato.”

Zak Brown, CEO della McLaren, ha voluto dire la sua seguendo le dichiarazioni di Andreas Seidl: “Sono sollevato dal fatto che finalmente la verità è venuta a galla come ci aspettavamo; c’è stato lo sforamento da parte di 1 team mentre gli altri 9 hanno operato secondo le regole. Credo sia legittimo che vengano prese delle azioni punitive per chi viola le regole, ma vorrei tanto che fossero più severe in futuro; speriamo che la lezione sia servita a tutti i team per evitare che in futuro ci siano altri sforamenti del budget cap.”

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Lascia un commento