NotizieFormula 1

Michael Schumacher risarcito dopo una falsa intervista

Michael Schumacher risarcito dopo una falsa intervista

Michael Schumacher continua a far notizia anche nelle sue condizioni, in quanto è stato risarcito dopo la pubblicazione di una falsa intervista.

Fa clamore il fatto che, Michael Schumacher continui a far discutere, nonostante le condizioni in cui versa. Difatti, ciò che è successo ha dell’incredibile, in quanto la sua famiglia è stata risarcita di ben 200.000 euro, a seguito di una pubblicazione di una falsa intervista fatta al campione tedesco.

Tutto ciò ha avuto luogo più di un anno fa, esattamente nell’aprile del 2023. La giornalista tedesca avrebbe diffuso un intervista, che a suo modo di dire, sarebbe stata con il campione tedesco, ma la realtà dei fatti è che non c’è stato nulla di vero.

Perché la giornalista ha usato l’intelligenza artificiale per trasmettere la voce di Michael Schumacher. La famiglia, naturalmente, non ha accettato le speculazioni intorno all’ex pilota di F1 e hanno deciso di fare causa. Quest’ultima è stata vinta dalla famiglia di Michael Schumacher.

Michael Schumacher, dopo l’incidente, ha mai rilasciato qualche intervista?

La domanda posta, trova prontamente risposta, in quanto la famiglia di Michael Schumacher, lascia trasparire ben poco sulle sue reali condizioni fisiche.

Per questa ragione, sembrava assurdo il fatto che ci fosse stata un intervista di lui con un giornale tedesco. Il giornale in questione si chiama “Die Aktuelle” e la giornalista invece Ann Hoffmann. Ambedue in seguito si sono prontamente scusati per l’accaduto.

Purtroppo per loro però, le scuse non sono bastate e come detto in precedenza, alle scuse, sono seguite ingenti quantità di denaro per risarcire la famiglia di Michael Schumacher. Sfortunatamente per noi, non sapremo mai in quali condizioni versa, il campione tedesco.

La famiglia è stata molto protettiva nel corso degli anni ed è difficile ipotizzare di scoprire qualcosa tramite i media. Più facile è aspettare il giorno in cui la famiglia deciderà di fare finalmente chiarezza sulla sua reale condizione fisica e mentale.