Ad imageAd image

Simone Dessi protagonista di una trasmissione RAI

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Simone Dessi protagonista di una trasmissione RAI

Simone Dessi sarà tra i protagonisti de “Il Cacciatore di Sogni”, nella puntata in programma il 27 Gennaio.

Il pugile piemontese, pugile paralimpico, sarà uno degli intervistati di Stefano Buttafuoco nella sua trasmissione dedicata alle storie di atleti che continuano a gareggiare nonostante la loro vita sia cambiata da un giorno all’altro.

- PUBBLICITA-

Dessi sarà presente nella terza delle quattro puntate della trasmissione, in onda in seconda serata su Rai Tre.

 

Simone Dessi sarà presente ne “Il Cacciatore di Sogni”

Simone Dessi, parapugile alessandrino, sarà presente nella terza puntata de “Il Cacciatore di Sogni“, programma condotto da Stefano Buttafuoco che racconta storie di sportivi che, nonostante le difficoltà avute nella vita, sono riusciti ad andare avanti seguendo le loro passioni.

Il piemontese è costretto dal 2009 a stare su una sedia a rotelle a causa di un infortunio causato dalla caduta di un paio di finestre da 300 chili che gli provocò una lesione lombare e che da allora lo tiene seduto. Dopo aver provato con altre discipline, scopre per caso la boxe paralimpica su Internet, informandosi ed iniziando ad allenarsi per poter provare, un giorno, a partecipare alle Paralimpiadi.

La trasmissione che vedrà coinvolto Simone Dessi e che avrà presenti anche Irma Testa, Francesco Damiani e Alessio Lorusso verrà trasmessa questo Venerdì in seconda serata su Rai Tre.

 

 

Chiusura articoli

   

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento