Ad imageAd image

Tony La Russa non tornerà nel dugout fino a fine stagione

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
MLB Castillo si lega ai Mariners, per lui 100 mln in 5 anni

Tony La Russa resterà a riposo fino alla fine della stagione, continuando il suo stop per problemi cardiaci.

Il manager settantottenne dei Chicago White Sox è ai box a causa di disturbi al cuore diagnosticati lo scorso Agosto, e da quel momento non si è più fatto vedere in pubblico.

- PUBBLICITA-

La metà bianca della Windy City è quasi certa di essere fuori dalla postseason dopo aver perso le ultime quattro gare, tre di queste contro i Cleveland Guardians, capolista della divisione.

 

Tony La Russa out fino a fine stagione: Cairo resterà in panchina

Tony La Russa non sarà presente nel dugout fino alla fine dell’anno, dopo che gli è stato diagnosticato un disturbo al cuore lo scorso Agosto che lo ha costretto allo stop.

Il settantottenne, vincitore per tre volte delle World Series, le finali della MLB, e membro della Baseball Hall of Fame dal 2014, ha fatto ulteriori test e per motivi di salute è stato deciso di non farlo tornare in panchina per il resto della stagione, lasciando quindi a Miguel Cairo il ruolo di Head Coach della franchigia fino a fine anno.

A causa di alcuni importanti infortuni, i Chicago White Sox hanno fatto molta fatica quest’anno e sono vicini all’eliminazione dalla Postseason dopo aver perso le ultime quattro partite, inclusa una serie contro i Cleveland Guardians, che sono al comando della loro divisione, la American League Central.

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento