Ad imageAd image

Gunther Steiner: non abbiamo fretta per i piloti 2023

Michael Lelli
Michael Lelli
8 minuti di lettura

Gunther Steiner afferma che la Haas non ha alcuna fretta nello scegliere i piloti del 2023. Unica sicurezza, rimarrà Kevin Magnussen.

Anche se non c’è stata alcuna conferma da parte della squadra, si sa che Mick Schumacher non continuerà in Haas per una terza stagione.

- PUBBLICITA-

Antonio Giovinazzi, che è tutt’ora sotto l’ala protettrice della Ferrari, effettuerà due sessioni di FP1 per la Haas a Monza e Austin e sembra essere il favorito per guida la vettura 2023.

Tuttavia, inevitabilmente, anche il nome di Daniel Ricciardo è in ballo dopo che il pilota ha risolto il suo contratto con la McLaren. Si parla anche di finanziamenti brasiliani che potrebbero favorire la candidatura dell’attuale pilota di riserva del team americano, Pietro Fittipaldi.

In sostanza, questa è la rosa dei piloti che potrebbero ottenere un sedile nella scuderia di Gunther Steiner. Ma, al momento, il mercato dei piloti è in una situazione di stallo, almeno finché non si vedrà cosa succederà tra la McLaren e la Alpine per Oscar Piastri.

Gunther Steiner non ha fretta nello scegliere i piloti 2023

Gunther Steiner si troverà, questo weekend a Zandvoort, il proprietario del team Gene Haas nei box. E l’altoatesino ha ammesso che, data la sua presenza, le discussioni sul futuro si intensificheranno.

“Ovviamente ne parleremo”, ha affermato Gunther Steiner durante il giovedì. “È l’inizio, ma non la fine. Voglio dire, non è che non abbiamo parlato insieme di piloti, di cosa fare, ma abbiamo deciso di aspettare un po’, non abbiamo fretta.

“Quindi, ovviamente, monitoriamo la situazione anche con Mick e vediamo cosa succede. Non abbiamo fretta. Perché dobbiamo decidere ora cosa fare?

“Se decidessimo ora e prendessimo la decisione sbagliata e ce ne pentissimo, perché dovremmo forzarci a decidere?

“Come ho sempre detto, tutto è aperto. Se inizi ad avere un obiettivo numero uno, allora non è più aperto. Allora non direi la verità”.

Steiner ha riconosciuto che l’attesa ha i suoi rischi: “Assolutamente. Ma noi corriamo questo rischio, corriamo consapevolmente dei rischi, forse l’opportunità è più grande del rischio”.

Gunther Steiner e Gene Haas nei paddock durante i test invernali
Gunther Steiner e Gene Haas nei paddock durante i test invernali

Una nuova evoluzione per la Haas

Esprimendosi sul processo decisionale, ha dichiarato: “Voglio dire, ho i miei pensieri, ma devo ancora chiarire con me stesso chi è il migliore per la squadra.

“Non si tratta di chi voglio come persona, ma di chi è migliore per la squadra, per il nostro futuro, questa è la cosa più importante.

“E questo emerge ancora una volta dal dialogo con Gene: cosa vogliamo fare? L’avversione al rischio o l’avversione alla sicurezza? E questo può essere il fattore decisivo, non chi è il favorito o chi mi piace di più.

“Penso che stiamo cercando di far progredire la squadra, il che significa portarla avanti. Cosa è meglio? Avere un pilota molto veloce o un pilota solido che porta avanti tutto? Ci sono così tanti aspetti in gioco. Ma l’obiettivo è ovviamente quello di portare la squadra di nuovo avanti, come quest’anno”.

Gunther Steiner, incalzato sull’attuale status della scuderia, concorda sul fatto che la Haas è una proposta molto più interessante per i piloti rispetto a un anno fa.

“Assolutamente sì. Voglio dire, sicuramente l’abitacolo è più interessante. Nel 2020, quando abbiamo lasciato andare Romain e Kevin. Sono stato il primo a dire ai ragazzi che forse non volevano stare qui, perché quello sarebbe stato un anno deludente. Ora che la macchina è migliorata, credo che migliorerà anche il nostro status”.

“Ovviamente, abbiamo un’opportunità molto più interessante per un pilota, perché può dimostrare quello che sa fare. L’anno scorso, sapendo che la vettura era in un anno di transizione, è stata un’opportunità perfetta per due esordienti di imparare a conoscere la F1. Senza la grande pressione che la vettura sta esercitando ad oggi.

“Ovviamente abbiamo ancora molta strada da fare per quanto riguarda le prestazioni. Ma siamo in una posizione molto migliore rispetto all’anno scorso”.

Gunther Steiner ha minimizzato le presenze di Giovinazzi nelle FP1, suggerendo che l’accordo è stato concordato per fare un favore al boss della Ferrari Mattia Binotto e perché il feedback di un altro pilota sarebbe stato utile.

L’ex pilota dell’Alfa Romeo ha partecipato a sette FP1 con la Haas, l’ultima volta, nel 2017.

“Questo è emerso da una conversazione che ho avuto con Mattia”, ha proseguito Steiner.

“Credo sia stato due fine settimana prima della pausa estiva. Era molto tardi e mi ha detto:

‘Ehi, cosa ne pensi di dare a Giovinazzi la possibilità di salire di nuovo su una vettura di F1?’.

È il loro pilota di riserva, ed è il nostro secondo pilota di riserva se Pietro non c’è, perché Pietro non è presente a tutte le gare, perché corre anche in altri campionati”.

“Prima di tutto ho preso tempo, ma poi ho pensato che non avevamo mai avuto nessun altro oltre a Mick e Kevin nella nostra auto, sarebbe stato bello avere qualcuno che potesse darci un’opinione su come va la macchina, e anche vedere cosa possono fare gli altri piloti con la macchina. Quindi la decisione è stata abbastanza rapida.

“Quindi sì, proviamo a farlo. Ovviamente si rinuncia a un po’ di tempo in pista per i nostri attuali piloti, ma forse si guadagna di più per la squadra perché si ottiene l’opinione di qualcun altro che non ha mai guidato la macchina prima.

“E l’opportunità è arrivata perché Mattia me l’ha chiesto. Io non sarei mai andato a chiederglielo, ma lui l’ha chiesto a me e ci siamo detti che non era una brutta cosa da fare. Così abbiamo deciso di farlo”.

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Segui:
Appassionato di motori e sport da combattimento. Nostalgico delle vecchie sfide e adoratore dei tempi d'oro, non disdegna vedere l'era del futuro. Ma se l'odore è quello delle benzina, è meglio.