Ad imageAd image

Holger Rune vince il Masters 1000 di Parigi-Bercy 2022

Pasquale Basile
Pasquale Basile
2 minuti di lettura
Holger Rune vince il Masters 1000 di Parigi-Bercy 2022

Holger Rune conquista l’ultimo Masters 1000 dell’anno vincendo per 3-6, 6-3, 7-5 contro Novak Djokovic alla Accor Arena di Parigi.

Il danese, già qualificato per le ATP Next Gen Finals, ha battuto in tre set il serbo e ottiene il terzo titolo della sua carriera, il primo Masters 1000 per il diciannovenne.

- PUBBLICITA-

Rune è il più giovane da Boris Becker nel 1986 a vincere sul cemento della Ville Lumiére nell’ultimo Masters 1000 dell’anno.

 

Holger Rune è il re del cemento parigino per la prima volta

Per la prima volta in carriera, Holger Rune ha trionfato a Parigi-Bercy, battendo per 3-6, 6-3, 7-5 in due ore e mezza il serbo Novak Djokovic, che ha perso l’opportunità di conquistare il settimo titolo sul cemento della capitale francese nell’ultimo Masters 1000 dell’anno solare.

Dopo un inizio difficile, il giovane danese, futuro Top 10 grazie a questo trionfo, ha poi dato del filo da torcere al pluricampione serbo, il cui prossimo obbiettivo saranno le ATP Finals di Torino in programma da settimana prossima, a partire dal secondo set, per poi giocarsela alla pari nel terzo e decisivo set, dove Rune è riuscito a mantenere il vantaggio.

Per il diciannovenne è il terzo titolo in carriera, il primo Masters 1000, diventando quindi il più giovane dai tempi di Boris Becker, all’epoca diciottenne, nel 1986, a trionfare sul cemento parigino.

 

 

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
22 anni, da Napoli. parlo di sport perché sono un grande appassionato e sicuramente son più bravo a scriverne che a praticarli. Chi lo dice a tutti gli altri che non esistono solo Brady e Jordan?
Lascia un commento