Ad imageAd image

Jake Paul: parole al veleno su Nate Diaz e Dana White

Alessandro Podio
Alessandro Podio
5 minuti di lettura
Jake Paul: parole al veleno su Nate Diaz e Dana White
Contenuti dell'articolo

Jake Paul al veleno nel backstag dopo un alterco si rivolge con parole molto dure verso Nate Diaz e rivolge anche un messaggio blasfemo a Dana White

Jake Paul ha fatto una bella figura con la sua vittoria per decisione unanime contro la leggenda dell’UFC Anderson Silva sabato scorso, ma non ha perso tempo nel rivolgere la sua attenzione ai futuri avversari.

- PUBBLICITA-

Tommy Fury è stato uno dei nomi menzionati durante la trasmissione come potenziale prossimo passo per il 25enne social influencer diventato pugile, ma Paul ha altre idee, grazie a un alterco nato nel backstage e che ha attirato la sua attenzione dopo l’evento.

Nate Diaz era qui e si comportava come un bamboccio“, ha detto Jake Paul durante la conferenza stampa post incontro per l’evento in pay-per-view, “ha cercato di combattere con la gente nel corridoio, Nate, smettila di fare a botte con la gente gratis e facciamolo sul ring, so che sei un po’ lento, amico, ma va bene, possiamo fare in modo che l’incontro si svolga“.

 

Jake Paul ora vuole Nate Diaz?

Durante l’evento sono apparsi diversi video che mostravano Diaz e il suo entourage impegnati con i membri della squadra di Jake Paul, prima che la sicurezza intervenisse per separarli.

Sembra che Diaz abbia schiaffeggiato qualcuno della squadra di Paul prima che i gruppi venissero separati e si evitasse una possibile rissa.

Paul, che con la vittoria su Silva si è portato su un perfetto 6-0 nella sua carriera pugilistica, ha saputo dell’incidente solo dopo l’incontro, e ora sembra che Diaz sia salito in cima alla sua lista dei bersagli.

Non ho visto il video e non sapevo cosa fosse successo“, ha detto Jake Paul, “so solo che c’è stato un alterco con la mia squadra, io ero concentrato su ciò che stava accadendo e ne sono stato messo al corrente in seguito“.

È tipico di lui, è quello che gli piace fare, è un gangster di strada, gli piace fare il duro, ma non lo è affatto”. 

Diaz ha assistito all’incontro come ospite e per mostrare sostegno al suo compagno di squadra e amico Chris Avila, che ha ottenuto una decisione sbilanciata in un incontro contro la celebrità di YouTube Dr. Mike Varshavski nell’incontro di apertura della main card.

Dopo il suo ultimo incontro nell’UFC, una vittoria contro Tony Ferguson a settembre, Diaz ha terminato il suo contratto con l’organizzazione e ha pianificato di testare l’agenzia libera, ed un potenziale incontro con Paul lo ha sicuramente incuriosito in passato, e sembrava che l’incontro fosse un passo più vicino alla realtà.

Se Diaz ha attirato la maggior parte dell’attenzione di Paul quando si è parlato del suo prossimo avversario, il lottatore, sempre molto schietto, si è rivolto anche al presidente dell’UFC Dana White.

Paul e White hanno ingaggiato una pubblica guerra di parole negli ultimi due anni e il nativo dell’Ohio ha inasprito la rivalità, sembrando spingere il dirigente dell’UFC a rispondere.

Paul ha nuovamente ventilato l’idea di fondare un sindacato dei lottatori dopo aver criticato le pratiche retributive dell’UFC. Nell’ambito di una scommessa pre-combattimento, Paul ha anche convinto Silva ad aiutarlo con un’associazione che spera possa portare a un trattamento migliore per tutti gli atleti degli sport da combattimento.

“Dana? avevi detto che non l’avrei fatto, e l’ho fatto e a pieni voti, e ora si sta nascondendo, sta cercando di fare tutto il possibile per fermare la mia corsa, per sabotare i miei incontri”.

“Mi odia, odia quello che sto facendo, e odia il fatto che io stia smascherando i suoi affari, ora ci uniremo e creeremo un’associazione di lottatori uniti per aiutare tutti i lottatori di MMA e i pugili a ottenere una maggiore retribuzione e un’assistenza sanitaria a lungo termine, Dana White può succhiarmelo“.

Jake Paul ph. facebook@Jake Paul

Jake Paul ph. [email protected] Paul

 

Scarica la nuova APP di The Shield Of Sports e rimani sempre aggiornato CLICCANDO QUI

The Shield Of Wrestling è anche sulla carta stampata, puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine CLICCANDO QUI

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Segui TSOS su FacebookSeguici su Google News
Condividi l\'articolo
Un milanese trapiantato a Misano Adriatico. Giornalista freelance dal 2005, collaboro con diverse testate giornalistiche locali e nazionali. Mi occupo prevalentemente di sport, che seguo a 360 gradi, con particolare attenzione al calcio, arti marziali e sport da combattimento in genere, ma seguo (e scrivo) volentieri di qualsiasi competizione esistente. Infine, attualmente curo la sala stampa per due festival del cinema della città di Ravenna.
Lascia un commento